Il servizio di consegna a domicilio Deliveroo, con più dell’80% delle consegne dice addio alla plastica e sta adottando una mentalità plastic free su tutta la linea. Un progetto quasi completo per recapitare a casa prodotti in modo sostenibile e una campagna green del food delivery insieme ad Aprica.

Sono in notevole aumento le richieste di consegna a domicilio per i prodotti alimentari, soprattutto in conseguenza della pandemia che ha prodotto come risultato l’impossibilità di recarsi nei ristoranti e consumare un pasto fuori casa in modo tradizionale.

Tra le varie aziende del cosiddetto food delivery, Deliveroo è stata la prima in Italia a introdurre la possibilità di non ricevere le posate, in plastica, insieme all’ordine riducendo la diffusione di questi tipi di rifiuti.

100% plastic free, arriva la pasta Agnesi con incarto compostabile 

Una proposta a sostegno dell’attività di riciclo molto apprezzata dagli utenti, grazie alla quale è stato possibile dimostrare che sono molte le province italiane attente al tema della tutela dell’ambiente e che consentirà uno svolgimento delle consegne più sostenibile.

La tutela dell’ambiente è una priorità per Deliveroo” ha detto Matteo Sarzana, responsabile di Deliveroo Italia.

La Sicilia è la prima regione plastic free: stop a bicchieri e stoviglie di plastica in uffici ed enti regionali

Ha aggiunto “Oltre alla possibilità di non ricevere le posate in plastica, i consumatori e i ristoratori sono stati protagonisti delle campagne sul riciclo e la riduzione dei rifiuti promosse nei mesi scorsi, in collaborazione con Aprica. È un impegno che vogliamo portare avanti anche nel 2021, per fare di Deliveroo una presenza sempre più positiva per le comunità e nei territori nei quali operiamo”.

La campagna green del food delivery insieme ad Aprica prevede anche l’introduzione di imballaggi riciclabili in accordo con i ristoranti.

Di Francesco De Simoni

Articolo precedenteZebre stranamente striate: non è una buona notizia per la specie
Articolo successivoAddio a Cecilia Mangini, la prima documentarista donna in Italia