Attualità

Cucciolo di delfino liberato da una rete. E la mamma ringrazia VIDEO

Condividi

Un gruppo di pescatori è riuscito a liberare un delfino rimasto impigliato in una rete da pesca. E’ successo al largo di Procida. La mamma del piccolo, con grandi salti, ha chiesto aiuto e ringraziato i soccorritori.

Il video è stato pubblicato da un gruppo di pescatori e condiviso su Facebook: il salvataggio di un cucciolo di delfino rimasto intrappolato in una rete da pesca.

Approvata nuova legge: niente più delfini in cattività

Mentre con il gommone, al largo di Procida, raggiungono l’animale, la mamma si produce in grandi salti come a voler segnalare il piccolo in difficoltà e ringraziare il gruppo corso in aiuto. Nel momento in cui i pescatori poi tagliano la rete e ridanno la libertà al cucciolo, la madre esegue un salto spettacolare.

Tar del Lazio vieta i bagni con i delfini. LAV: “Produce ulteriore stress”

Questi mammiferi sono sempre più esposti a rischi.

Da Gennaio a Marzo, lungo la costa occidentale della Francia, una media di 6.000 delfini vengono uccisi, ogni anno, dai grandi pescherecci a strascico, come documentato dal movimento ambientalista Sea Shepherd.

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

 

(Visited 1.711 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago