Animali

Delfini sfilettati per essere mangiati: il video CHOC diffuso da Sea Sheperd

Condividi

La Sea Sheperd ha postato online un video che mostra due pescatori squartare un delfino per raccoglierne la carne. Un atto denunciato dalle autorità sul quale verranno condotte delle indagini. Ecco le terribili immagini.

Giappone, ancora un altro massacro di delfini nella baia di Taiji VIDEO CHOC

Due pescatori che squarciano un delfino mentre scherzano sulla possibilità di mangiare “una bella bistecca”.

Il video, recuperato dalla ONG nel 2019, come spiega Lamya Essemlali, presidente di Sea Sheperd France, nel quale vengono mostrati due delfini “sfilettati” sulla spiaggia di La Torche a metà gennaio da due pescatori che scherzano sulla possibilità di mangiarsi poi “una bella bistecca”.

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

Succede di trovare corpi di delfini tagliati a scopo alimentare – spiega Helene Peltier, biologa dell’osservatorio pubblico di Pelagis – Tra Novembre e Gennaio sono stati identificati 3 casi. Questa pratica esiste da prima che i delfini fossero specie protetta. cioè da prima degli anni 70, ma alcuni casi vengono alla luce ogni anno”.

In Francia è vietato “distruggere, cacciare o catturare in qualsiasi processo inteso ad ucciderli, i mammiferi marini della famiglia dei delfini” secondo una legge del 1970.

Giappone, ancora un altro massacro di delfini nella baia di Taiji VIDEO CHOC

(Visited 121 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago