BiodiversitàTerritorio

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

Condividi

Un numero record di delfini spiaggiati sulle coste Atlantiche della Francia negli ultimi 3 mesi, la maggior parte con mutilazioni devastanti. Gli ambientalisti dicono che 1100 sono quelli trovati da Gennaio, ma i numeri reali potrebbero essere 10 volte maggiori, considerato che un gran numero di corpi sono affondati senza lasciare traccia. Gli attivisti avvisano che questo massacro potrebbe causare l’estinzione della popolazione dei delfini Europei nella regione.

Escorte de dauphins dans le Golfe de Gascogne

Moment magique dans le Golfe de Gascogne : quelques secondes d'une visite qui a duré près d'une heure au large de La Rochelle. "Ah bon ? On a des dauphins en France ?" Voilà ce que l'on entend encore souvent, y compris dans les villes en bord de mer. Difficile de s'émouvoir de la mort de ceux dont on ignore l'existence. Alors OUI, il y a des dauphins chez nous, ils sont des milliers dans le Golfe de Gascogne qui est une de leur principale zone d'habitat. Et OUI, si nous ne faisons rien, ils vont disparaître du fait de la pêche non sélective autorisée et non contrôlée qui alimente largement nos poissonneries et nos restaurants. BOYCOTTONS LA PECHE INDUSTRIELLE #OperationDolphinByCatch #SeaShepherd #FranceDirtySecretwww.seashepherd.fr

Pubblicato da Sea Shepherd France su Mercoledì 27 marzo 2019

Altri avvistamenti sul litorale di Roma

Il magico scatto immortalato al largo di Otranto

Le cause delle morti è ignota, ma si ipotizza che la responsabilità sia da a attribuire alle navi pescherecce che transitano nell’Atlantico a pesca di merluzzi. Le autopsie suggeriscono che gli animali potrebbero aver subìto queste micidiali ferite provando a scappare dalle reti o quando i pescatori hanno provato a liberarli dopo averli catturati.

Gli esperti dell’Osservatorio Pelagis, una stazione di ricerca marina a La Rochelle, confermano che i mammiferi morti mostrano “livelli estremi di mutilazione”. Lamy Essemlali, il presidente del gruppo Sea Sheperd, ha riferito che il conto delle morti è probabilmente tra 6500 e 10000 delfini l’anno.

Ostia, avvistato un branco di delfini e un cucciolo al largo del litorale. IMMAGINI

Il gruppo ha rilasciato un video dei mammiferi rimasti incastrati nelle reti dei pescherecci l’ultimo mese come parte della loro campagna Operation Dolphin Bycatch.

“Questi pescherecci hanno reti che non fanno distinzione quindi,  quando mettono le loro reti nell’acqua e l’acqua è piena di delfini, questi restano intrappolati.  I delfini non sono pesci, sono mammiferi, e hanno bisogno di raggiungere la superficie per prendere aria. Quindi, oltre a soffocare, si mutilano da soli quando provano a scappare dalle reti per raggiungere l’aria e questo è il motivo per cui troviamo tutti questi segni sui loro corpi”.

Barletta, i pescatori potranno recuperare la plastica in mare

Essemlali ha riferito che il numero dei delfini morti in questo modo è aumentato negli ultimi 3 anni: “Al momento è a un livello talmente alto che può portare la popolazione dei delfini europei all’estinzione”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago