Attualità

Deforestazione, in 13 anni cancellati 43mln di ettari di foreste. Wwf: “Aumenta anche il rischio nuove malattie”

Condividi

Nel corso di 13 anni il mondo ha perso una foresta tropicale equivalente alle dimensioni della California.  Nel suo nuovo rapporto il Wwf afferma che la deforestazione e il cambio d’uso del suolo rischiano di far emergere nuove malattie. 

Nel corso di 13 anni il mondo ha perso una foresta tropicale equivalente alle dimensioni della California, come ha dichiarato il WWF, che richiede un piano di recupero rivolto agli sforzi di conservazione.

Nel periodo tra il 2003 e il 2017 il gruppo ambientalista ha osservato 24 aree sottoposte a deforestazione in Asia, Africa e America Latina, rilevando che circa 43 milioni di ettari di foreste sono stati cancellati.

La responsabile delle questioni forestali del WWF, Fran Raymond Price, sostiene che, nell’ultimo anno, la pandemia da COVID-19 ha reso più chiari i collegamenti tra la deforestazione e la salute umana e afferma che “dove si ha una maggiore deforestazione, il rischio di nuove malattie è maggiore”.

Secondo i dati disponibili raccolti negli ultimi 20 anni, il WWF ha riscontrato che i maggiori casi di deforestazione hanno avuto luogo nell’Amazzonia brasiliana, in una vasta parte della savana tropicale del paese chiamata Cerrado, nell’Amazzonia boliviana, in Paraguay, Argentina, Madagascar, nelle isole del Bormio e di Sumatra, in Indonesia e Malesia.

Amazzonia a rischio! Gli esperti: “Di questo passo nel 2064 sarà sparita”

L’agricoltura commerciale è la causa principale della deforestazione nel mondo, in particolare le coltivazioni su la larga scala, in più le aree forestali usate per il pascolo del bestiame sono state sgomberate.

Il modo in cui produciamo e consumiamo il cibo, si pone al centro della sfida che dobbiamo affrontare” afferma Price, indicando come principali responsabili la produzione di carne bovina, della soia e dell’olio di palma; tra i colpevoli è possibile aggiungere anche lo sviluppo delle infrastrutture, l’espansione delle strade e delle miniere.

Circa 8000 anni fa, la metà del nostro pianeta era ricoperta da foreste mentre oggi lo è solo il 30% della superficie terrestre. La pandemia in corso potrebbe essere l’innesco di cui abbiamo bisogno per tornare ad avere un rapporto più sano con la natura che ormai abbiamo perso da tempo. 

Wwf: coronavirus è occasione per ripensare il rapporto natura-città

Tra le soluzioni per porre un blocco a questa pratica, Price suggerisce la riduzione dello spreco alimentare, il passaggio ad un’agricoltura sostenibile che sfrutti i terreni degradati per produrre cibo e progetti di conservazione guidati dagli indigeni e da comunità locali.

Il rapporto del WWF invita a fare la propria parte per rispettare la natura ed evitare i prodotti che causano la deforestazione ed a sollecitare i leader perché attuino politiche contro la deforestazione, volte a ripristinare le grandi aree verdi.

Di Francesco De Simoni

(Visited 47 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago