Home Attualità IN ARRIVO UN DECRETO DA 10 MILIARDI SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO

IN ARRIVO UN DECRETO DA 10 MILIARDI SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO

Dissesto idrogeologico. Un decreto legge entro dicembre per la lotta al dissesto idrogeologico, con risorse fino a 10 miliardi.

Una sorta di Piano Marshall – come lo rinomina lo stesso Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – su cui Governo e Ministero stanno lavorando.

Invece che inserire norme apposite in manovra, si è optato per il decreto perché oltre al profilo finanziario, sono necessarie norme per velocizzare la spesa ed aumentare la gestione del territorio.

Inoltre – sottolinea Costa – “siamo in emergenza con 11 Regioni che hanno chiesto lo stato di calamità e il decreto è lo strumento migliore”.

Per il titolare dell’Ambiente, non si tratta di una questione di soldi che mancano, “ma piuttosto è che non si spendono”.

Il decreto, è stato anche oggetto del Consiglio dei Ministri odierno, in quanto l’argomento rientra nella discussione con l’Unione europea dal momento che le spese legate a investimenti sul dissesto del suolo sono slegate dal deficit.

L’idea di partenza, annunciata nei giorni scorsi dal premier Conte, è quella di spostare risorse pari a circa 0,2% del Pil (circa 4 miliardi) dalle spese per reddito di cittadinanza e pensioni agli investimenti.

“Le risorse per il dissesto – rileva il Ministro Costa – sono di circa 6,5 miliardi e con questo decreto si arriva a 10 miliardi. La novità grande per me – osserva ancora – è che la tutela dell’ambiente diventa oggetto di investimento. Non stiamo a guardare i decimali, lo zero due o lo zero tre. Questa è la prima volta che si pensa a quel 79% di territorio italiano fragile, e che diciamo investiamo perché ne abbiamo bisogno”.

In altre parole, si sta cercando di offrire maggiore velocità esecutiva ai progetti e aumentare la capacità di gestione e cura del territorio.

“In questo modo – conclude Costa – metteremo in mano “una Ferrari ai presidente di Regione, gliela metteremo su un’autostrada, e chiederemo di guidarla bene, dopo avergli fatto anche benzina e tolto i limiti di velocità”.

 

Previous articleMANTOVA, PRIMO FORUM MONDIALE SULLE FORESTE URBANE. CITTÀ E SPAZI VERDI
Next articleBLUE ECONOMY, UNA SFIDA GLOBALE. IL CNF SCRIVE PER L’ITALIA IL NUOVO DIRITTO ALL’AMBIENTE