Good NewsPolitica

Deb Haaland è la prima prima donna nativa americana a capo di un dipartimento del governo Usa

Condividi

Il presidente Joe Biden ha scelto la deputata Deb Haaland per guidare il dipartimento degli Interni degli Stati Uniti. Se ciò verrà confermato dal Senato per la prima volta nella storia una donna nativa americana sarà a capo di un dipartimento del governo Usa.

Deb Haaland, rappresentante per il New Mexico al Congresso americano, è stata scelta dal presidente eletto Joe Biden per guidare il dipartimento degli Interni degli Stati Uniti. Se confermata dal Senato, si tratterebbe di una decisione storica: Haaland sarà la prima nativa americana a ricoprire questa carica e sarà proprio a capo di un’agenzia che ha un ruolo centrale per l’ambiente e i diritti delle comunità indigene in tutto il paese.

USA, il giuramento di Kamala Harris come vice presidente

Chi è Deb Haaland

Deb Haaland è un membro della tribù dei Pueblo di Laguna nel New Mexico ed è anche la prima nativa americana in assoluto a servire come segretario di gabinetto, una posizione di alto rango all’interno dell’ufficio esecutivo del presidente degli Stati Uniti.

La donna è nata a Winslow, in Arizona, dove suo nonno lavorava nelle ferrovie, nell’ambito di una politica del governo federale di “assimilazione culturale” per i nativi americani. Proviene da una famiglia di militari, suo padre era un marine decorato e sua madre prestò servizio in Marina. Più tardi, da adulta, Haaland ha lottato come madre single, costretta a richiedere buoni pasto per mettere il cibo in tavola per i suoi figli.

Elezioni USA, la scelta di Kamala Harris come vice di Biden è un ottima notizia per l’ambiente

Nel corso della sua carriera ha lavorato instancabilmente come attivista della comunità, molto prima che decidesse di entrare in politica a livello nazionale. La sua agenda progressista includeva investimenti in misure ambientali come l’energia pulita. E’  nota per il suo attivismo in campo di cambiamento climatico. “Mi impegno a votare contro tutte le nuove infrastrutture per i combustibili fossili e a lottare invece per un’energia pulita al 100%”, afferma sul suo sito web. In particolare, Haaland si oppone apertamente alla costruzione del gasdotto Keystone XL, che attraversa le terre dei nativi americani. Deb Haaland proviene dall’ala progressista del Partito Democratico ed è una nota sostenitrice del Green New Deal ed ha in programma di affrontare il cambiamento climatico creando nuovi posti di lavoro nei settori dell’energia pulita.

Haaland avrà quindi un ruolo centrale nell’implementazione dell’agenda climatica promessa da Biden. Sarà infatti responsabile delle protezioni federali di quei territori che l’amministrazione Trump aveva aperto all’industria petrolifera, mineraria, edilizia e del legname.

Di Sara Fracassi

(Visited 95 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago