Good NewsPolitica

Usa, ok del Senato a Deb Haaland. Sarà la prima Ministra nativa americana

Condividi

Con 51 sì e 40 no, il Senato ha confermato la nomina di Deb Haaland a segretario del dipartimento dell’Interno. Haaland è la prima nativa americana della storia Usa a guidare l’Interior department, il dipartimento che sovrintende ad un quinto delle terre federali americane, compresa una larga fetta della produzione nazionale di gas, petrolio e minerali.

Dopo aver affrontato una dura opposizione da parte dei repubblicani, convinti che il suo attivismo contro i combustibili fossili possa danneggiare l’economia, Haaland sarà impegnata a realizzare l’ambiziosa strategia del governo Biden contro il climate change.

“Avete sentito che la Terra viene chiamata Madre Terra – ha affermano nel corso dell’udienza di conferma al Senato – è difficile non sentirsi obbligati a proteggere questa terra. E sento che ogni persona indigena del Paese lo capisce”.

Clima, 12 Stati fanno causa a Biden per decreto. Anche Greta contro il presidente: “Non fa abbastanza”

Chi è Deb Haaland:

Classe 1960, Debra Anne Haaland, conosciuta come Deb, dal 2019 è membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Nuovo Messico.

Nata in Arizona, è figlia di una nativa americana della tribù Pueblo e di John David ‘Dutch’ Haaland.

Si è laureata in giurisprudenza presso l’Università del Nuovo Messico ed è stata amministratrice tribale di San Felipe Pueblo.

Nel 2014 è stata candidata alla carica di vicegovernatore del Nuovo Messico ma il gruppo composto da lei e dal candidato governatore Gary King perse contro quello repubblicano formato da Susana Martinez e John Sanchez.

Nel 2015  fu eletta presidente del Partito Democratico del Nuovo Messico e restò in carica per un mandato di due anni.

Nel 2018 annunciò la propria candidatura alla Camera dei Rappresentanti per il seggio lasciato da Michelle Lujan Grisham, candidatasi alla carica di governatore del Nuovo Messico.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago