Italpress

Ddl Zan, Letta “Aperti al confronto ma non con Salvini”

Condividi

PALERMO (ITALPRESS) – Per quanto riguarda il Ddl Zan “domani è una giornata importante, ognuno si assumerà le sue responsabilità. Vedremo gli emendamenti presentati, sulla base di questo capiremo l’atteggiamento delle diverse forze politiche”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, a margine di un incontro istituzionale, in merito alle spaccature per la legge contro l’omofobia. “Abbiamo detto che la gestione chiave è quella del Parlamento, il luogo in cui ci si confronta. Non ci tiriamo indietro, siamo convinti che il testo approvato sia ottimo e spingeremo affinchè il testo vada avanti, ma siamo aperti in Parlamento al confronto. Non siamo aperti al confronto con chi in Europa è omofobo, non può essere un credibile interlocutore in Italia – ha precisato Letta – Salvini ritiri tutte le posizioni omofobe espresse in Europa a favore di Orban, è incompatibile con la sua apertura in Italia”. Sul tema vaccini, poi, Letta ha aggiunto: “Quando sento Salvini che ride, scherza e fa battute sui vaccini, credo che questo atteggiamento sia irresponsabile. Non si scherza con i vaccini, non si scherza con la salute degli italiani. I vaccini sono una priorità assoluta, invitiamo il Governo a prendere le iniziative più stringenti possibile”.
(ITALPRESS).

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago