ClimaEventi

Al via il World Economic Forum di Davos in versione virtuale. Clima e pandemia tra i temi principali

Condividi

Si apre Davos il summit World Economic Forum che riunirà i potenti della Terra quest’anno per la prima volta, a causa della pandemia, in versione virtuale. Tra le adesioni di spicco, quella del presidente della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping, mentre il grande assente è il presidente degli Usa, Joe Biden.

 

I temi all’ordine del giorno del vertice riguardano “il nuovo mondo nell’era della pandemia, le rivoluzioni che ci impongono il cambiamento climatico e l’accelerazione digitale, con tutti i contraccolpi in termini di sostenibilità e sviluppo economico e sociale, senza dimenticare la deriva verso polarizzazioni e disuguaglianze”.
Sono circa 100 in tutto le sessioni in programma. Il premier Giuseppe Conte interverrà mercoledì 27 gennaio. Grande attesa anche per gli interventi del presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel, la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, il Segretario generale, Nazioni Unite, Antonio Guterres, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, la presidente della Bce Christine Lagarde e anche il Direttore dell’ Istituto Nazionale di Allergia e Malattie Infettive degli Stati Uniti Anthony Fauci che farà il punto sulla sfida contro il Covid-19.

Clima, Biden firma per il rientro degli Usa nell’Accordo di Parigi. Macron: “Bentornati”

CALENDARIO APPUNTAMENTI

Il calendario degli appuntamenti tematici è così articolato: lunedì 25: progettare sistemi economici coesi, sostenibili e resilienti; martedì 26: guidare la trasformazione e la crescita responsabili dell’industria; mercoledì 27: migliorare la gestione dei beni comuni a livello globale; giovedì 28: come sfruttare le tecnologie della quarta rivoluzione industriale; venerdì 29: avanzare nella cooperazione mondiale.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago