EconomiaPolitica

Davos, manifestanti travestiti da koala raggiungono il World Economic Forum

Condividi

Un corteo è partito da Landquart per una marcia di tre giorni verso Davos, dove si terrà il World Economic Forum. Lo scopo è quello di attirare le attenzioni dei partecipanti sul riscaldamento globale.

Un corteo è partito da Landquart nella Svizzera orientale per una marcia di 40 km in tre giorni fino al resort di Davos dove si terrà il World Economic Forum. Al Forum parteciperanno i maggiori leader ed esperti di politica ed economia mondiale.

 


World Economic Forum di Davos, clima in cima ai rischi globali

I manifestanti si sono radunati nel centro di Landquart prima di far partire il corteo. Alcuni erano travestiti da fiori o da koala, in riferimento agli incendi che stanno distruggendo l’Australia. Gli attivisti tenevano in mano dei cartelli con le scritte “Ignoriamo i Donald e ascoltiamo le Greta”, “WEF: World Economic Farce” o “Rendiamo di nuovo freddo il mondo”, in riferimento allo slogan usato dal Presidente Donald Trump durante la campagna elettorale.

 

Davos, l’ambiente preoccupa gli esperti più delle fratture politiche ed economiche

Greta Thunberg, che si è unita ai 10,000 manifestanti di Fridays for Future a Losanna nella giornata di venerdì, non è riuscita a prendere parte alla marcia. Le autorità hanno approvato la prima parte del percorso da Landquart a Klosters ma hanno rifiutato la richiesta degli attivisti di procedere in strada fino a Davos per ragioni di sicurezza.

Clima, manifestazione di Fridays for Future a Losanna; Greta “non avete ancora visto nulla”

Gli organizzatori si sono detti comunque determinati nel procedere fino a Davos ma dovranno prendere dei sentieri diversi per i quali non è necessario chiedere il permesso.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago