Breaking News

DAVOS. GUERRA, CLIMA E CYBERATTACCHI I PERICOLI DEL 2019 AL CENTRO DEL WORLD ECONOMIC FORUM

Condividi

Davos. Guerra commerciale, tensioni
geopolitiche, attacchi informatici e minacce ambientali sono i principali fattori di rischio globali per quest’anno in un quadro di “prospettive economiche sempre piu’ buie”.

E’ lo scenario che emerge dal Global Risks Report 2019 del World Economic Forum, in cui si mette in evidenza come il 2018 sia stato caratterizzato da un rapido peggioramento delle
controversie commerciali facendo prevedere per il 2019 che “la crescita sara’ frenata dalle continue tensioni geo-economiche”.

Nel report, che comprende i risultati del Global Risks Perception Survey (sondaggio sulla percezione dei rischi globali) condotto annualmente su circa 1.000 esperti e
decision-maker, l’88% degli intervistati prevede un’ulteriore erosione degli accordi commerciali multilaterali, mentre l’85% si attende un aumento del rischio di “scontri politici tra le grandi potenze”.

E proprio il deterioramento delle relazioni internazionali “ha messo a dura prova la capacita’ dei paesi di promuovere interventi collettivi per far fronte alle piu’ urgenti
situazioni di crisi a livello globale”, viene spiegato, e rappresenta un’ipoteca per i futuro dal momento che “le prospettive economiche sempre piu’ buie e in parte legate a tensioni geopolitiche sembrano destinate a ridurre ulteriormente il potenziale di cooperazione internazionale”.

Per questo, avverte il presidente del World Economic Forum, Borge Brende, “ora piu’ che mai con la crescita economica e il commercio globale a rischio nel 2019, emerge un bisogno imminente di rinnovare la struttura della cooperazione internazionale.

Non siamo in grado di contrastare efficacemente la decelerazione che le dinamiche attuali potrebbero causare. Cio’ di cui abbiamo bisogno e’ un’azione coordinata e concertata per sostenere la crescita e affrontare le gravi minacce che incombono sul mondo contemporaneo”.

Tra i maggiori rischi per i prossimi dieci anni evidenziati dal rapporto, le minacce alla cybersicurezza hanno scalato la classifica rispetto la posizione occupata nel 2018, ma in cima alle preoccupazioni di lungo periodo ci sono i rischi ambientali considerati tra i “piu’ rilevanti in termini di probabilita’ e impatto: perdita di biodiversita’, eventi meteorologici estremi, mancata attuazione di adeguate misure di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, disastri causati dall’uomo
e calamita’ naturali”.

Uno scenario aggravato dalla “probabilita’ crescente di un fallimento delle politiche ambientali o di una mancata attuazione tempestiva”, spiega Alison Martin, Group Chief Risk Officer di Zurich Insurance Group, secondo cui una “risposta efficace ai cambiamenti climatici prevede, ad esempio, un significativo aumento delle infrastrutture per adattarsi al nuovo ambiente nonche’ la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Entro il 2040, si prevede che il divario negli investimenti in infrastrutture globali raggiungera’ i 18 trilioni di dollari, a fronte dei 97 trilioni di dollari teoricamente necessari”.

Sul piano individuale, il peggioramento del benessere psicologico ed emotivo e’ al contempo causa e conseguenza nel piu’
ampio contesto dei rischi globali, con un impatto sulla coesione sociale e sulla cooperazione politica.

Il rapporto si concentra proprio sul “lato umano” dei rischi mondiali a fronte delle
trasformazioni sociali, tecnologiche o lavorative, e sullo “stress psicologico correlato alla sensazione di mancanza di controllo generata dall’incertezza”.

(Visited 90 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago