Territorio

DAVOS, GRETA THUNBERG E LA SUA LOTTA PER IL CLIMA

Condividi

Davos. L’attivista svedese di 16 anni Greta Thunberg, diventata un’icona della lotta contro il cambiamento climatico dopo il suo discorso nel corso della conferenza sul clima Cop24 a Katowice, ha parlato al Forum economico mondiale di Davos, partecipando a una tavola rotonda proprio sui cambiamenti climatici: “Non voglio la vostra speranza, voglio che entriate nel panico”.

 “Tutti devono sentire la paura che io provo tutti i giorni. La nostra casa brucia. Sull’ambiente abbiamo fallito. Ma non è troppo tardi per agire. Qui a Davos la gente vuole sentire storie di successo ma in fatto di ambiente abbiamo fallito. Ma la soluzione è così semplice che la può capire anche un piccolo bambino: dobbiamo fermare le emissioni di Co2″. Un discorso duro, quello della sedicenne che dallo scorso settembre sciopera da scuola ogni venerdì per recarsi davanti alla sede del Parlamento svedese e protestare contro il cambiamento climatico che minaccia il pianeta.

Grazie alla sua campagna sui social, la sua iniziativa ha raccolto moltissimi imitatori, con migliaia di studenti scesi in piazza in tutti gli angoli del mondo con lo slogan “Fridays for future”.

In merito alla conferenza a Davos la giovane attivista ha detto: “Penso sia folle che le persone riunite qui per parlare del clima, arrivino su jet privati”- continua- “Sembra che le nostre uniche preoccupazioni siano il denaro e la crescita. Ma io non voglio più sentire che gli adulti devono dare speranza ai giovani. Non voglio la vostra speranza, voglio che entriate nel panico”, ha aggiunto Greta, per poi mettere in guardia: “È il momento di essere chiari: risolvere la crisi climatica è la sfida più grande e complessa che l’umanità abbia mai affrontato”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago