Roma

Daniele Diaco: “Sui giardini di Roma il Campidoglio sta facendo un grandissimo lavoro”

Condividi

Intervista esclusiva di TeleAmbiente con il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Daniele Diaco, che ci ha parlato delle più recenti attività del Comune per la tutela dell’ambiente, a partire dai nuovi 100 alberi di Villa Borghese.


I 100 alberi di Villa Borghese, ma non solo. C’è anche il lavoro sulle area verde delle zone attorno al Colosseo, e il recupero degli alberi secolari.

Per Daniele Diaco, presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, il lavoro della Giunta Capitolina sull’ambiente e sui giardini è incommensurabile, soprattutto considerando la condizione in cui si trovava il verde romano prima dell’arrivo della Giunta Raggi.

Alcuni degli interventi più recenti di sfalcio e pulizia hanno interessato la zona di Casalbruciato, nella periferia est della città: lo spartitraffico di via Andriulli e quello di via della Vanga, le aiuole del sottopasso di via Bergamini, i parchi di via Cassiani e di via Pietralata, l’area verde di via degli Alberini, e quella tra via Donati e via Calzini in cui è inserita un’area giochi.

“Un polmone verde per Roma”, parte il progetto di riforestazione Misura: 100 alberi nel parco dell’Aniene

Sempre in zona est, manutenzione di prati e cespugli anche al Parco Gastinelli a Ponte di Nona, al Parco Mancini di Torre Spaccata e nell’aiuola spartitraffico di viale dei Romanisti che ospita circa 200 oleandri di cui si sta effettuando la potatura.

Inoltre, sono terminate le operazioni di taglio dell’erba nel Parco di via Teza a Cinquina e al Parco Nobili di Settebagni, nel Municipio III. Lavori, infine, anche al Parco Antonella Renzi e al Parco Salvador Allende di Tor Vergata, una grande area verde nel Municipio VII di circa 12 ettari attraversato da un’antica strada romana.

20° Festa degli Alberi nelle Scuole. Celebrata la ricorrenza all’Istituto Tecnico Agrario “Emilio Sereni” di Roma

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago