AttualitàScienza e Tecnologia

Arrivano le prime cuffie wireless a energia solare (e autonomia infinita)

Condividi

Arrivano le prime cuffie wireless, alimentabili a energia solare e dall’autonomia infinita. A realizzarle è un’azienda hi-tech svedese.

Si chiamano Urbanista Los Angeles e sono le prime cuffie wireless, dall’autonomia infinita e alimentabili con l’energia solare. A realizzarle è l’azienda svedese Urbanista, che le ha prodotte utilizzando lo speciale materiale Powerfoyle di Exeger, in grado di convertire in energia qualsiasi forma di luce. Basta esporle al cielo per un’ora per ottenere tre ore di ascolto se il cielo è limpido o due se è nuvoloso.

Dalle batterie usate degli smartphone si ricavano smalti per colorare le piastrelle

Come riporta anche Wired, le celle fotovoltaiche integrate nelle cuffie Urbanista Los Angeles sono leggere e sottili e trasferiscono la carica in modo sicuro. La batteria è dotata anche di una riserva che garantisce fino a 50 ore di riproduzione. Oltre ai vantaggi per l’ambiente, queste cuffie wireless possiedono anche le migliori tecnologie a partire dalla cancellazione attiva del rumore, fino alla sincronizzazione con smartphone o computer Windows e alla compatibilità con Siri e Google per i comandi vocali. C’è anche la funzione on-ear detection, che mette in pausa l’audio quando le cuffie vengono rimosse e lo riavvia quando vengono indossate di nuovo.

Quella dell’azienda svedese è stata un’accelerazione improvvisa. Urbanista ha infatti superato tutti, nonostante alcuni progetti di cuffie a energia solare da parte di altre aziende fossero noti da tempo. Urbanista Los Angeles dovrebbe entrare in commercio dalla prossima estate, ad un prezzo di 199 euro per l’Italia: è possibile registrarsi a questo indirizzo sul sito ufficiale per il pre-order, che sarà aperto a breve.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago