Breaking News

CUBA, SI SUICIDA IL FIGLIO MAGGIORE DI FIDEL CASTRO

Condividi

Cuba, si suicida il figlio maggiore di Fidel Castro. Fidel Angel Castro Diaz-Balart, figlio maggiore di Fidel Castro, si è tolto questa notte la vita.

La notizia è stata resa nota dai media di Stato cubani, che hanno spiegato come l’uomo, 69 anni, “da mesi soffrisse di una grave depressione”.

Fidelito”, così chiamato per la grande somiglianza con il padre, era l’unico figlio nato dal primo matrimonio di Fidel Castro con Mirtha Diaz-Balart, sorella aristocratica di un suo compagno di università sposata nel 1948 a 22 anni.
Nato un anno dopo il matrimonio dei genitori e poco prima dell’inizio della rivoluzione, secondo quanto riporta la tv di Stato era stato ricoverato in ospedale per i traumi seguiti alla depressione, mentre attualmente veniva assistito a livello ambulatoriale da una equipe di medici.

Fidel Angel Castro Diaz-Balart era un fisico nucleare.

Fu infatti inviato da suo padre in Russia per studiare fisica nucleare, settore nel quale ricoprì alte cariche.

Consigliere scientifico del Consiglio di Stato (massimo organo di governo cubano), fu anche nominato vicepresidente dell’Accademia delle Scienze. Ruolo che ha ricopriva tutt’oggi.

Tra il 1980 e il 1992, fu il responsabile del programma nucleare cubano e del progetto di costruzione della prima centrale nucleare, Jaragua (a Cienfuegos).

Programma interrotto negli anni ’90 per mancanza di fondi.

Tra le ultime occasioni in cui è stato visto in pubblico, i funerali del padre nel novembre 2016 e l’investitura dello scienziato americano Peter Agre, premio Nobel 2003 per la chimica, come membro dell’Accademia delle Scienze di cuba, nell’agosto dell’anno scorso all’Avana.

I suoi funerali saranno organizzati secondo le decisioni della famiglia.

(Visited 278 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago