CulturaVideo

Cristiana Pegoraro, la pianista di fama internazionale celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua con un video

Condividi

Quando le note sgorgano dall’acqua. La pianista e compositrice di fama internazionale, Cristiana Pegoraro,  per celebrare la Giornata Mondiale dell’Acqua, ci regala un videoclip dove la musica si fonde perfettamente con l’acqua e la natura circostante. Ecco come è nata l’iniziativa. Intervista esclusiva per TeleAmbiente. 

In anteprima un piccolo estratto del video in uscita per la Giornata Mondiale dell’Acqua, 22 marzo 2021

L’acqua testimone della vita che è stata ed è custode della vita che verrà. Nella società che si vuole sempre più liquida, le note di Cristiana Pegoraro irrompono per ammonirci sulla nostra dissipatezza dell’elemento da cui ogni vita germoglia. È il senso del videoclip realizzato dalla pianista italiana per la Giornata mondiale dell’acqua che si celebra lunedì 22 marzo, voluta dall’Onu nel 1992.

“Il valore dell’acqua”, presentazione in italiano Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche

La Giornata Mondiale dell’Acqua è una giornata importante per portare l’attenzione su questo bene fondamentale per la nostra vita. – ci spiega Cristiana PegoraroCome pianista e compositrice ho il grande privilegio di esprimermi attraverso l’arte dei suoni. La musica è un linguaggio universale, arriva diretto al cuore e alla sensibilità di ogni essere umano, superando qualsiasi barriera. Ho pensato quindi di utilizzare il linguaggio musicale, che mi è così caro, abbinandolo alla suggestione delle immagini, per lanciare un messaggio di grande importanza: l’acqua. Il video parla anche di bellezza perché l’acqua dona bellezza a tutto ciò che irrora. Dobbiamo prenderci cura di questo bene prezioso“. 

Associazione FDS, “Incontro con l’artista”. Intervista alla pianista Cristiana Pegoraro VIDEO

La pianista che incanta le platee dei due emisferi con la potenza della sua arte musicale ci regala nel videoclip una fusione perfetta tra musica e immagini dei paesaggi della sua terra natía, l’Umbria. Il lavoro di Cristiana si configura anche come un importante strumento di promozione internazionale del territorio e delle sue bellezze paesaggistiche.

“L’Umbria è la mia terra d’origine. Per motivi di lavoro e di studio ho lasciato l’Italia all’età di 16 anni ma le radici non si dimenticano mai. Quando torno dopo periodi di assenza ne riconosco i colori, l’odore e la luce. In questo video ho voluto omaggiare i tesori naturali della mia Terra. – racconta la pianista – Le note del mio brano Rain a volte scorrono con delicatezza a volte impetuose sui paesaggi dell’Umbria a me più cari, luoghi che mi ricordano la mia infanzia, come la Cascata delle Marmore o il Lago di Piediluco, che vengono ritratti in tutta la loro bellezza”

Cristiana Pegoraro nel videoclip suona il suo brano “Rain” per celebrare la giornata mondiale dell’acqua

Forum Acqua: in Italia oltre il 36% dell’acqua potabile non arriva ai rubinetti

La pandemia ha portato alla chiusura dei teatri, delle sale da concerto. Un duro colpo non solo per tutta la categoria degli artisti ma per l’intero patrimonio del nostro Paese. “Ero abituata a costanti viaggi, a conoscere persone, a condividere con il pubblico le emozioni sempre diverse di un concerto dal vivo. Da più di un anno tutto ciò si è fermato. Non sono una persona che si lascia abbattere dalle avversità, cerco sempre di trovare un modo per continuare il mio cammino alla ricerca di nuovi stimoli. – racconta Cristiana – Non è cambiato il mio modo di fare musica, sono cambiati i mezzi con cui condivido la mia arte con il mondo e questo video ne è una delle espressioni. E’ stato entusiasmante esplorare nuovi linguaggi per comunicare un messaggio di grande importanza: salvaguardare l’acqua del nostro pianeta“. 

Un anno che ci ha anche insegnato a riprendere il contatto con la natura circostante e la musica può aiutare e sensibilizzare le persone a ritrovare un equilibrio con essa. “La musica ha sempre descritto la natura e le sensazioni scaturite da essa. Pensiamo alle celebri Quattro stagioni di Vivaldi o alla sinfonia pastorale di Beethoven. La musica dei grandi compositori descrive con i suoni quello che lo sguardo cattura con gli occhi e ce lo fa vivere ad un livello molto più intenso. La musica può aiutare a riscoprire l’amore per la natura“, conclude Cristiana Pegoraro.

Eco Accademia, coniugare musica e natura: ecco come nasce il progetto delle Shirvani Sisters

Il video è stato prodotto da ‘Imprenditori di Sogni’ e diretto da Yuri Napoli e Adriano Natale. L’iniziativa è stata possibile grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, ente finanziatore, e al patrocinio della Regione Umbria, Provincia di Terni e Comune di Terni.

GUARDA IL VIDEO IN VERSIONE INTEGRALE

Chi è Cristiana Pegoraro

Cristiana Pegoraro, pianista e compositrice di fama internazionale, si è diplomata all’età di 16 anni presso il Conservatorio di Terni, città natale, con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore.

Affianca da tempo la sua attività pianistica a quella di compositrice. Ha pubblicato 5 album con sue composizioni originali. Durante l’anno svolge anche attività didattica presso i suoi studi privati di Roma e New York. Dal 2011 è Presidente di Narnia Arts Academy e Direttore Artistico di Narnia Festival insigniti per sei volte con la medaglia del Presidente della Repubblica.

Con le sue tournée nei paesi del Golfo è la prima donna italiana a tenere concerti di musica classica in Bahrain, nello Yemen e in Oman. Cristiana Pegoraro è anche la prima donna italiana al mondo ad eseguire in concerto l’integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Ludwig van Beethoven.

(Visited 294 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago