Cravatte e foulard ecosostenibili a marchio Marinella in regalo ai capi di Stato e ai ministri che parteciperanno al G20 “Ambiente-Clima-Energia” che si terrà a Napoli il 22 e 23 luglio 2021.

Per l’occasione, Maurizio Marinella, lo stilista della cravatta a Napoli, ha deciso di esplorare il mondo dei materiali rispettosi dell’ambiente.

Moda, cinture, borse, scarpe ricavate da pneumatici di bici: il progetto torinese “Cingomma”

“Noi cerchiamo sempre di aiutare le aziende del sud Italia – ha spiegato lo stilista – e in questo caso abbiamo stretto un accordo con la ‘Orange fiber’, una società siciliana che ha realizzato un tessuto che nasce dalla buccia delle arance. Noi abbiamo fatto il finissaggio di quel tessuto ed è nata così la prima collezione di cravatte e foulard provenienti dalle bucce d’arancia che verranno regalate ai capi di Stato e ai ministri dell’Ambiente”.

“Le cravatte – ha evidenziato Marinella – sono molto belle e colorate e abbiamo pensato anche alla bustina di plastica della cravatta, realizzandola in un materiale che quando viene accartocciata tira fuori dei polimeri che distruggono la bustina”.

Moda, l’azienda ACBC e le sneakers dall’anima green

Una sperimentazione che ha l’obiettivo di dimostrare come anche nella moda è possibile prestare attenzione alle tematiche ambientali.

Cupra Born, i sedili in tessuto riciclato ricavato dalla plastica nel mare

“Tutto verrà fornito – ha evidenziato poi lo stilista delle cravatte – di una spiegazione in diverse lingue e sarà anche la parte iniziale di una nuova fase della nostra azienda. Noi vogliamo dedicare una parte dell’azienda a questo mondo del green: la pandemia ci ha anche spinto su una piattaforma di e-commerce con dieci ragazzi con cui abbiamo fatto appunto questa ricerca per progetti sostenibili. Una parte della nostra azienda da ora in poi sarà più verde, in fondo ieri abbiamo celebrato 107 anni, ma dobbiamo anche essere pronti a crescere e seguire i tempi”.

Articolo precedenteImmobile “Siamo a tre partite dal nostro obiettivo”
Articolo successivoMicroplastiche nella placenta, successo internazionale per lo studio tutto italiano