Home Attualità Salute Il Covid può ridurre le dimensioni del pene? Ecco cosa sostengono gli...

Il Covid può ridurre le dimensioni del pene? Ecco cosa sostengono gli esperti

“Il mio pene si è rimpicciolito, ho perso circa tre centimetri e mezzo e sono diventato decisamente meno dotato della media”, il racconto di ragazzo americano di 30 anni. Ma cosa dicono gli esperti?

“Sembra che mi sia rimasto un problema duraturo. Il mio pene si è rimpicciolito apparentemente è dovuto a un danno vascolare e i miei medici sembrano ritenere che sia probabilmente permanente“. E’ il racconto di un trentenne americano che in un podcast ha spiegato cosa gli è successo dopo aver avuto il Covid nell’estate del 2021.

Effetto Covid, in crisi l’industria dei preservativi

“Quando sono uscito dall’ospedale, ho avuto alcuni problemi di disfunzione erettile. – ha raccontato l’uomo –  Questi sono gradualmente migliorati con alcune cure mediche, ma è sembrava che avessi un disturbo persistente. Il mio pene si è rimpicciolito, ho perso circa tre centimetri e mezzo e sono diventato decisamente meno dotato della media”.

Salute, un gene Neanderthal protegge alcuni di noi dal Covid

Quello che bisogna capire e se si si tratta di un caso isolato o di un effetto più diffuso.

Secondo uno studio pubblicato nell’agosto 2021 è stato rilevato che alcuni uomini che avevano sofferto di disfunzione erettile dopo l’infezione da Covid-19 avevano particelle di virus nel pene. Gli autori dello studio hanno scritto che l’infezione potrebbe aver limitato il flusso sanguigno all’organo.

Covid, alcuni composti della cannabis possono prevenire l’infezione

Ma gli esperti affermano che sarebbe improprio parlare di vera e propria riduzione dell’organo ma è  più corretto definirla una riduzione di funzionalità.

Peggiorando la capacità erettile, il pene sembra più piccolo come organo, in realtà è solo non più in grado di raggiungere le sue dimensioni ottimali, perché i suoi corpi cavernosi non sono in grado di accumulare tutto il sangue pompato dal sistema venoso.

Il dottor Charles Welliver, urologo e direttore della salute maschile presso l’Albany Medical College, intervenendo al podcast di Slate, ci sono modi per trattare la condizione e intraprendere una ‘riabilitazione’.
Anche la dottoressa Ashley G. Winter, urologa e dottore in medicina sessuale, intervenendo al programma nel quale il ragazzo americano (anonimo) ha raccontato ciò che gli era accaduto, ha cercato di tranquillizzarlo: “Queste sono cose facili che puoi fare a casa per prevenire l’accorciamento o per recuperare effettivamente la lunghezza che hai perso“.
Articolo precedenteAnimali, cucciolo di renna arrivato dalla Lapponia sbranato dai lupi sulle montagne modenesi
Articolo successivoSalute, un gene Neanderthal protegge alcuni di noi dal Covid