Il punto di Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco.

Covid, esclusa in Italia la quarta dose. Lo conferma Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco. “Il quarto vaccino non sarà un’altra dose booster, ma molto più probabilmente si tratterà di un richiamo, probabilmente annuale“, ha spiegato il direttore dell’Aifa.

Cani che fiutano il Covid, lo studio italiano: “Più precisi dei tamponi”

L’obiettivo resta quello di immunizzare il più possibile la popolazione, in modo da trattare il Covid in maniera endemica, come una normale influenza. “L’efficacia dei vaccini è stata anche meglio del previsto, nonostante sia stata parzialmente ridotta dall’affermarsi di nuove varianti” – ha poi aggiunto Magrini – “Dal 24 febbraio sarà disponibile in Italia anche il vaccino Novavax, che potrebbe essere preferito da chi ancora non si è vaccinato poiché di formulazione classica, su base proteica, come i tradizionali antinfluenzali“.

Articolo precedenteUnesco, l’appello: “L’educazione oceanica nei programmi scolastici”
Articolo successivoTesla, svastiche, segregazione e razzismo in fabbrica. L’azienda di Elon Musk finisce nei guai