AttualitàSalute

Covid, Antonella Viola: “Vaccino AstraZeneca, no alle donne under 60”

Condividi

Covid, la professoressa Antonella Viola interviene sul dibattito su AstraZeneca: “Ok agli under 60, ma non alle donne”.

Dopo la raccomandazione di estendere il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca anche agli under 60 da parte del generale Francesco Paolo Figliuolo, arriva la risposta della professoressa Antonella Viola. L’immunologa dell’Università di Padova, infatti, esprime i propri dubbi dopo che il commissario per l’emergenza e la campagna vaccinale aveva dichiarato: “AstraZeneca viene raccomandato solo per gli over 60 ma l’Ema sottolinea che va bene per tutti. Ci sono effetti collaterali, ma sono infinitesimali e in Gran Bretagna sono state somministrate 21 milioni di dosi di questo vaccino”.

Recovery, Cingolani: “Tempi certi o falliremo. Possiamo solo mitigare i problemi”

Le parole del generale Figliuolo avevano trovato d’accordo diversi infettivologi, come Massimo Andreoni del Policlinico Tor Vergata di Roma e Matteo Bassetti del San Martino di Genova. Antonella Viola, invece, si è detta in disaccordo con le linee-guida del commissario per l’emergenza. “AstraZeneca anche sotto i 60 anni? Non per tutti. Il rischio di effetti collaterali gravi è raro ma è maggiore nelle donne giovani. D’altro canto, le donne giovani hanno un rischio inferiore agli uomini di sviluppare sintomi severi da Covid-19″ – ha scritto l’immunologa sulla propria pagina Facebook – “Il rapporto rischi/benefici ci suggerisce quindi di vaccinare tutti gli uomini, anche con J&J, ma di tenere fermo il limite di età nelle donne. Basta con la medicina che non considera il nostro sesso”.

(Visited 104 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago