“Dati falsati e report giornaliero non dice nulla, mette solo ansia”. Le parole dell’infettivologo Matteo Bassetti.

“I dati su ricoveri morti per Covid sono falsati. Lo sostiene l’infettivologo Matteo Bassetti che commenta così il report Fiaso, secondo cui il 34% dei pazienti positivi ricoverati non è malato di Covid ma è in ospedale per altri motivi.

Covid19, l’accusa del premier Draghi: “Se siamo in difficoltà è colpa dei No Vax”

Nei nostri reparti siamo ben oltre il 35% di ricoverati che con il Covid-19 non c’entrano nulla. Non hanno della malattia nessun sintomo, ma solo la positività al tampone per l’ingresso in ospedale – dice all’agenzia Agi -. Anzi, dirò di più, questo avviene anche nella registrazione dei decessi: se il paziente entra in ospedale per tutt’altro, ma è positivo e muore, viene automaticamente registrato sul modulo come decesso Covid. Sono numeri assolutamente falsati“.

Covid19, Bassetti: “Con Omicron cresce possibilità di immunità di gregge”

“Bisogna anche finirla col report serale, che non dice nulla e non serve a nulla se non mettere l’ansia alle persone, siamo rimasti gli unici a fare il report giornaliero”, ha inoltre commentato Bassetti, intervenuto alla trasmissione L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus. “Che senso ha dire che abbiamo 250mila persone che hanno tampone positivo? Bisogna specificare se sono sintomatici, asintomatici, sono ricoverati, stanno a casa – aggiunge – Da una parte sono numeri che ci fanno fare brutta figura col resto del mondo, perché sembra che vada tutto male e invece non è così, nella realtà altri Paesi che hanno molti più contagi di noi cercano di gestirli in maniera diversa. Se continuiamo così finiremo con l’andare in lockdown di tipo psicologico e sociale. Continuando a fare tutti questi tamponi immotivati, arriveremo a un punto che avremo talmente tanti positivi e contatti con positivi che l’Italia si fermerà”.
Articolo precedenteGermania, Scholz: “Giusto uscire dal nucleare, puntiamo sulle rinnovabili”
Articolo successivoPfas, allarme a Milano: “Acque intossicate da un composto della Solvay”