“La scuola è fondamentale per la nostra democrazia: va tutelata, protetta, non va abbandonata”, afferma il presidente del Consiglio Draghi, nel corso di una conferenza stampa. E aggiunge: “Siamo in difficoltà per colpa dei No Vax”.

Il premier Mario Draghi interviene nel corso della conferenza stampa di lunedì 10 gennaio per presentare le misure approvate nelle ultime settimane per fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid19.

Al centro la questione apertura delle scuole: “Si chiede agli studenti di stare a casa e poi la sera vanno in pizzeria: non ha senso chiudere la scuola prima di chiudere la scuola prima del resto. Non ci sono motivi per farlo“, afferma il premier.

Covid19, Bassetti: “Con Omicron cresce possibilità di immunità di gregge”

E poi le parole rivolte ai non vaccinati, indicati come i responsabili della “gran parte dei problemi“.

 “Siamo stati tra i primi ad adottare l’obbligo” di vaccino “per tutta una serie di categorie professionali  ma ora la circolazione del virus mette di nuovo sotto pressione i nostri ospedali, soprattutto per l’effetto sulla popolazione non vaccinata”.

Salute, Figliuolo: “In arrivo 40mila confezioni di pillola anti covid”

Se è arrivato l’obbligo vaccinale per gli over 50 è per convincere chi finisce in terapia intensiva: “Lo abbiamo fatto sulla base dei dati, essenzialmente, che ci dicono che chi ha più di 50 anni corre maggiori rischi, le terapie intensive sono occupate per i due terzi dai non vaccinati”.

Articolo precedenteUsa, primo trapianto al mondo con cuore di maiale geneticamente modificato
Articolo successivoLazio, in arrivo il “bonus psicologo”. Ecco come accedere al fondo