Italpress

Covid, 951 nuovi casi e 30 morti nelle ultime 24 ore

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Nuova (anche se contenuta) crescita dei nuovi casi di coronavirus che rimangono comunque sempre sotto quota 1000. Per l’esattezza i nuovi positivi sono 951, in rialzo di 116 unità rispetto a ieri a fronte però di un numero superiore di tamponi processati, 198.031 e che determina un tasso di positività allo 0,48%. A riportarlo il Ministero della Salute nel consueto quotidiano bollettino. Quasi stabili i decessi, 30 (-1).
I guariti nelle ultime 24 ore sono 5.455, si riducono gli attualmente positivi di 4.345 con un numero complessivo che si attesta su 68.619. Il calo riguarda pure i ricoveri nei reparti ordinari, dove attualmente si trovano in 2.140, 101 degenti in meno rispetto le 24 ore precedenti; il calo si registra pure nelle terapie intensive, dove oggi si trovano 344 pazienti, con un saldo complessivo nel rapporto ingressi/uscite in negativo di 18 ma con 4 nuovi ingressi, il numero più basso dell’anno. In isolamento domiciliare vi sono 66.135 persone. Per quanto riguarda le singole regioni, la regione con il maggior numero di casi si conferma la Sicilia (158), seguita da Lombardia (131), e Campania (110). Al contrario in Molise e Valle d’Aosta si registra rispettivamente 2 e 1 caso.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago