Covid-19. Tutti noi abbiamo visto in questi giorni sui nostri social fotografie di cestini per donazioni nei vicoli di Napoli o cassette della frutta in cui lasciare generi alimentari da donare.

Sono tanti gli esempi di ‘acquisti sospesi’ che stanno sbocciando nelle città italiane a cui spesso viene dedicata anche un pagina Facebook.

Che sia organizzato o spontaneo, il mondo del volontario italiano è sempre pronto per garantire cibo a tutti, soprattutto a quelli che non riescono a mettere insieme un pranzo ed una cena.

In questo particolare momento, il mondo del volontariato affianca gli aiuti organizzati dai sindaci per far sì che l’Italia non si trovi a dover fronteggiare, oltre all’emergenza sanitaria, anche un emergenza sociale provocata dalla crisi economica.

Coronavirus, gli animali si muovono liberi per le città durante la quarantena

Quali sono gli esempi di ‘paniere solidale’:

  • Due ceste con due cartelli sopra ‘Chi può metta, chi non può prenda…’ sono apparsi nei vicoli di Napoli.

  • Ma nei vicoli del centro di Napoli i ragazzi, a bordo dei loro motorini, vanno a consegnare generi di prima necessità alle famiglie più bisognose. Queste ‘stese’ di giovani ragazzi sono organizzate dall’associazione evangelica ‘Tabita onlus’ di Sant’Anna di Palazzo ai Quartieri Spagnoli.
  • A Roma, sul muretto del giardino del popolare quartiere capitolino dell’Alberone, si trovano file di scatole di pasta e beni di prima necessità.

  • Sempre nelle Capitale, alla Garbatella, lo spazio sociale ‘Casetta Rossa’ prepara nella sua cucina vaschette sigillate con piatti in monoporzioni da distribuire ai poveri del municipio e ai migranti e senza fissa dimora che vivono in strada vicino alla stazione Tiburtina assistiti dall’associazione Baobab.
  • E ancora, nel quartiere San Paolo, singole famiglie hanno postato l’invito per i condomini: “se non hai un lavoro e non ricevi aiuto da nessuno e hai finito la scorta di cibo, per favore non andare a dormire senza mangiare!!!Scrivimi in privato senza vergognarti che poco o tanto che io possa avere a casa mia, ho piacere di condividere con te”.
  • In Molise invece, la pasta viene lasciata pagata come il caffè.

  • Nel Salernitano, con la farina viene regalato anche lievito.
  • Nel circolo etneo, Legambiente ha lanciato su www.laboriusa.it una campagna di crowdfunding a km 0, il progetto “100 carrelli per Catania”: “Vv date un piccolo contributo con una donazione  online, noi portiamo la spesa ai più bisognosi con il supporto dei produttori dell’Etna”.
  • C’è poi l’Auser Empoli Filo d’Argento che in collaborazione con Comune, Misericordia, Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli e Croce Rossa, svolgono un servizio di spesa e pasti a domicilio con l’aiuto degli scout Agesci.
  • A Legnano, in Lombardia, la Croce Rossa non solo è impegnata a soccorrere i cittadini ma aiuta nella distribuzione degli alimenti agli enti caritatevoli come la mensa dei poveri che continua a distribuire pasti al sacco agli indigenti.
Articolo precedenteSiria, la scienziata fuggita dal paese per salvare i suoi “super semi” resistenti ai virus
Articolo successivoCoronavirus, caos rimborsi: sul sito dell’INPS si può accedere ai dati personali di altri utenti