AttualitàClima

Il ministro Costa risponde alla parole della Littizzetto: “Altro che orsi spelacchiati”

Condividi

“C’era questo orso tutto spelato ma perché ne dobbiamo parlare proprio in questi giorni? fra un paio di settimane è uguale, i ghiacci si scioglieranno lo stesso” . Le parole di Luciana Littizzetto nel suo sketch durante la trasmissione “Che tempo che fa”. Arriva la risposta del Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa

Come abbiamo già scritto in un altro articolo, le parole della Litizzetto ci hanno fatto male, soprattutto perché ci hanno fatto capire qual è davvero la percezione del problema dei cambiamenti climatici.

Litizzetto: “Basta con questi orsi spelati nei tg…”. E no Luciana, proprio oggi ne dobbiamo parlare

Ma allo stesso tempo, parole come queste ci daranno la forza per parlare ancora di più di ambiente, di cambiamenti climatici, di biodiversità  e di “plastica”. Perché, di ambiente bisogna parlare, sempre e comunque. Anche se c’è un epidemia in corso.

Alle parole della Litizzetto ha voluto rispondere anche il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa: “Queste frasi fanno capire che iniziative come il Festival del Giornalismo Ambientale sono ancora più importanti e urgenti. Conforta che la trasmissione in streaming della lunga maratona di interventi del forum con direttori e giornalisti di sabato abbia avuto un grande seguito sul web”.

“Mi piacerebbe – ha aggiunto Costa – invitare la Littizzetto, di cui tutti riconosciamo l’intelligenza e l’arguzia, a partecipare al festival a giugno. Altro che orsi spelacchiati come li chiama lei, si renderà conto che siamo anche in ritardo e che le tematiche ambientali non possono aspettare mai”.

Antartide, superati i 20 gradi. L’allarme dei ricercatori: “Mai visto nulla di simile”

Solo un paio di giorni fa il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, al termine del Forum sul Giornalismo Ambientale, promosso dal Ministero, Enea, Ispra e Federazione dei media ambientali, ha lanciato un “patto green per l’informazione ambientale, insieme a giornalisti, direttori ed editori”.

Antartide, neve rossa come il sangue: è colpa dei cambiamenti climatici

“L’invito che faccio a tutti – ha detto Costa – è di costruire un percorso comune, fatto di idee e proposte concrete, per dare la massima visibilità ai temi ambientali, dai cambiamenti climatici all’inquinamento urbano, alla sostenibilità e quindi alle occasioni di lavoro green e alle soluzioni che l’economia verde e la scienza già ci mettono a disposizione. Propongo un vero e proprio patto, concreto, da mettere a punto e firmare in occasione del prossimo Festival del giornalismo ambientale che si svolgerà a giugno”.

Ambiente, giornalisti ed editori insieme per un “patto green”. L’annuncio di Sergio Costa

Perché superata l’epidemia, ci ritroveremo sempre in un mondo a pezzi, che non riesce a tenere il passo con le risorse che l’umanità consuma.

(Visited 7.976 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago