In Costa Rica centinaia di tartarughe si sono dirette verso una spiaggia dove si trovano alcuni rifugi protetti utilizzati per la deposizione delle uova. 

 

Un bagnante si è imbattuto in uno spettacolo incredibile: centinaia di tartarughe marine hanno attraversato la spiaggia Ostional Beach per la nidificazione di massa in Costa Rica.

Le tartarughe sincronizzano la deposizione delle uova, in quello che viene chiamato un “arridaba” o nidificazione su larga scala. Le tartarughe nidificano tipicamente da una a tre volte a stagione, producendo fino a 110 uova in ogni occasione.

Secondo l’US Fish and Wildlife Service, le popolazioni di colonie riproduttive di tartarughe marine Olive Ridley sono considerate in via di estinzione sulla costa del Pacifico del Messico, mentre tutte le altre sono elencate come minacciate. Le tartarughe nidificano tipicamente da una a tre volte a stagione, producendo fino a 110 uova in ogni occasione.

E’ l’odore della plastica a trarre in inganno le tartarughe

Le tartarughe sono seriamente minacciate dall’uomo, in quanto sono sensibili a molte delle attività umane, tra cui il disturbo del turismo nelle aree di riproduzione, e la pesca accidentale. Si stima che ogni anno circa 150mila tartarughe marine finiscano catturate negli attrezzi da pesca nel Mediterraneo e che di queste oltre 40.000 muoiano.

Mentre l’attività riproduttiva è generalmente concentrata in alcuni importanti siti, cosa che rende teoricamente possibile la protezione di queste zone, l’impatto della pesca sugli individui a mare costituisce un problema gravissimo che rappresenta una seria sfida a chi si adopera per la conservazione della tartaruga marina.

Una specie prioritaria, inserita nella Direttiva Habitat e protetta da numerose Convenzioni internazionali, in quanto minacciata da numerosi fattori, tra i quali le catture accidentali durante le attività di pesca, l’inquinamento marino, la riduzione dei siti di nidificazione e le collisioni con le imbarcazioni.

Tartarughe, metà delle specie rischiano l’estinzione ma è ancora possibile salvarle

Articolo precedenteAnimali, sabato 26 settembre torna ‘adotta un amico’ all’Oasi felina di Portaportese
Articolo successivoElezioni Roma 2021, RiCostruiamoRoma lancia #RomaSmart2050