Attualità

COSTA E ZINGARETTI FIRMANO IL PROTOCOLLO PER LA QUALITA’ DELL’ARIA

Condividi

Qualità dell’aria. Siglato dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa e dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il protocollo per il miglioramento della qualità dell’aria.

Presente alla firma anche l’assessore regionale all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, Enrica Onorati.

Limitazioni della circolazione dei veicoli maggiormente inquinanti (già a partire dal 1 gennaio 2019), promozione di nuove infrastrutture per i veicoli elettrici e per la mobilità ciclo-pedonale, obbligo all’installazione di generatori di calore alimentati a biomassa con ridotte emissioni di inquinanti, favorire l’uso di carburanti alternativi e sollecitare l’utilizzo di vernici che assorbono il PM10 in fase di ristrutturazione degli immobili e di costruzioni di nuovi, i punti chiave.

Il Ministero dell’Ambiente s’impegna a contribuire con risorse fino a 4 milioni di euro per l’attuazione del protocollo, ai quali si aggiungono i 6 milioni, di cui due immediatamente utilizzabili, messi a disposizione dalla Regione per interventi dei Comuni.

 

Nello specifico la Regione Lazio si impegna a:

– prevedere, nel piano di qualità dell’aria o nei relativi prowedimenti attuativi, limitazioni alla circolazione dei veicoli più inquinanti progressive nel corso degli anni

– nelle zone individuate, promuovere, mediante la concessione di appositi contributi, la sostituzione di una o più tipologie di veicoli oggetto dei provvedimenti;

– promuovere a livello regionale, in conaborazione con le amministrazioni comunali, la realizzazione di infrastrutture di carburanti alternativi e disciplinare il traffico veicolare in modo da favorire la circolazione e la sosta nelle aree urbane di veicoli alimentati con carburanti alternativi;

– promuovere a livello regionale, in collaborazione con le amministrazioni comunali, la realizzazione di stazioni di ricarica per i veicoli elettrici, all’interno e all’esterno dalle stazioni di rifornimento carburanti;

– promuovere la realizzazione nelle aree urbane di infrastrutture per Ia mobilità ciclo pedonale;

– concorrere alla definizione di una regolamentazione omogenea dell’accesso alle aree a traffico limitato, delle limitazioni temporanee della circolazione e della sosta per tutti i veicoli alimentati a carburanti alternativi;

– promuovere l’inserimento, nelle concessioni relative al servizio di car sharing, rilasciate dal 2020, di prescrizioni volte a prevedere l’utilizzo di auto alimentate con carburanti alternativi nena prestazione del servizio;

– prevedere, nel piano di qualità dell’aria, una serie di divieti, relativi a generatori di calore alimentati a biomassa;

– prevedere, nel piano di quanta dell’aria, l’obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2;

– adottare provvedimenti di divieto della combustione all’aperto del materiale vegetale;

– prevedere nel piano di qualità dell’aria il ricorso ad impieghi delle fonti rinnovabili diversi dalla combustione delle biomasse, per assicurare il raggiungimento dei valori previsti dalla legge nelle zone presso le quali risulta superato uno o più dei valori limite del PM10 e/o il valore obiettivo del benzo(a)pirene;

– applicare modalità comuni di contrasto delle situazioni di perdurante accumulo degli inquianti atmosferici, come il PM10;

– realizzare campagne di informazione e sensibilizzazione della popolazione;

– affidare all’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale (Arpa Lazio) il compito di realizzare gli strumenti tecnici per l’mdividuaznone delle situazioni di perdurante accumulo degli inqumanti atmosferici;

-favorire l‘ampliamento delle zone del territorio regionale raggiunte da metanizzazione per il riscaldamento domestico;

– promuovere l’utilizzo di vernici che assorbono II PM1O in fase di ristrutturazione degli immobili e di costruzioni di nuovi;

– promuovere l’adozione di forme di incentivazione all’uso del trasporto pubblico locale (biglietti e abbonamenti agevolati, abbonamenti agevolati per l’utilizzo di parcheggi di scambio…);

– promuovere, in accordo con i Comuni delle Zone Valle del Sacco e Agglomerato di Roma, modalità per l’informazione e la facilitazione dell’accesso dei cittadini ai benefici previsti nel presente accordo o ad altre agevolazioni (benefici fiscali, Conto Termico 2.0 etc.) per Ia sostituzione di camini e stufe tradizionali a biomassa con sistemi ad alta efficienza, la riqualificazione energetica degli edifici ed iniziative simili.

 

 

Il Ministero dell’Ambiente si impegna a:

– contribuire con risorse sino a 4 milioni di euro per l’attuazione del protocollo;

– promuovere le opportune iniziative, anche di carattere legislativo, al fine di accelerare, nel breve periodo, la progressiva diffusione di veicoli a basse e/o nulle emissioni in luogo di veicoli diesel, e nel medio periodo la riduzione del numero di veicoli circolanti nelle aree urbane incentivando sistemi di mobilità alternativa;

– attivare le opportune procedure di concerto con il Ministero dell’Economia per reperire le risorse necessarie a finanziare la sostituzione dei veicoli oggetto dei divieti da applicare entro il 1° gennaio 2019 e al fine di al fine di valutare la possibilità di aggiornare le tasse automobilistiche utilizzando il criterio del bonus-malus;

– promuovere presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una proposta per l’aggiornamento delle tasse automobilistiche, utilizzando il criterio del bonus-malus, e una proposta di modifica del decreto legislativo 285/1992, finalizzata a includere gli aspetti relativi alla tutela dell’ambiente nelle procedure di determinazione dei limiti di velocità;

– promuovere presso il Ministero dello sviluppo economico una procedura di aggiornamento del decreto 16/2016 in materia di “conto termico”.

(Visited 84 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago