Attualità

Coronavirus, il bacio di Hayez rivisto in chiave “Covid 19”. Il murales di Tvboy

Condividi

Il bacio di Hayez rivisitato in chiave Covid 19. E’ questa la nuova opera dello street artist Tvboy accompagnata dall’hashtag #MilanoNonSiFerma

Il coronavirus uccide? Non quanto l’inquinamento: in Italia circa 80mila decessi l’anno

I due amanti del celebre quadro “Bacio” di Francesco Hayez rappresentati con mascherina e Amuchina. Questa è la nuova opera realizzata dallo street artis Tvboy a Milano. L’artista ha postato le foto sui suoi profilo social accompagnata dal post: “L’Amore ai tempi del Co..vid-19”, insieme a l’hashtag #MilanoNonSiFerma.

Anche lo street artist aderisce alla campagna social lanciata dal sindaco di Milano Beppe Sala. Come passa queste giornate il Sindaco di Milano? Testimoniando la solidarietà della città ai più deboli e lavorando perché ognuno, a partire dalle Istituzioni, faccia la sua parte”, scrive su Facebook. Una campagna per combattere la paura del coronavirus e supportare cittadini e commercianti.

Temi come mascherina e coronavirus erano già stati rappresentati in un’altra sua opera a Barcellona dove anche la Monna Lisa è apparsa munita di mascherina.

Coronavirus, contro lo sciacallaggio Amuchina fai da te: è a base di alcool etilico

Coronavirus, la Cina chiude oltre 20.000 allevamenti di animali selvatici

 

(Visited 592 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago