Attualità

Coronavirus, Trump dopo aver fatto il test dichiara: “Ci prepariamo al peggior scenario dell’epidemia”

Condividi

“Ci prepariamo al peggior scenario dell’epidemia del nuovo coronavirus. Finora abbiamo registrato 50 morti”, ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dopo essersi sottoposto ieri sera al test per il coronavirus in attesa dei risultati. 

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di essersi sottoposto al test per il coronavirus. Parlando oggi in conferenza stampa Trump ha detto di essersi sottoposto al test venerdì e di essere in attesa dei risultati, previsti tra uno o due giorni. Nei giorni scorsi il presidente Usa ha incontrato almeno due persone risultate positive al test per il coronavirus. Tra queste il segretario alla Comunicazione del governo brasiliano, Fabio Wajngarten.

Coronavirus, pericolo scampato per Bolsonaro: il test ha dato esito negativo

Ho fatto il test ieri sera“, ha reso noto Trump, dopo che la Casa Bianca nelle ultime ore aveva ribadito che il presidente non presenta alcun sintomo da coronavirus e non ha bisogno di essere messo in quarantena.

Ci prepariamo al peggior scenario dell’epidemia del nuovo coronavirus – ha dichiarato Trump – Finora abbiamo registrato 50 morti“. Intanto,con la dichiarazione dello stato di emergenza, il Presidente ha esteso alla Gran Bretagna e all’Irlanda il bando che blocca i viaggi verso gli Usa dai Paesi europei,che scatterà alle 5 (ora italiana).

Coronavirus, che impatto avrà la quarantena sullo stile di vita americano?

Abbiamo concordato anche un pacchetto legislativo che prevede un test gratuito per tutti gli americani, nessuno dovrà pagare; pagheremo anche il congedo alle persone colpite, aiuteremo tutti“, ha concluso Trump

Coronavirus, arriva un altro murales firmato TvBoy: “Divisi restiamo in piedi, uniti cadiamo”

(Visited 133 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago