Good News

Coronavirus, Tom Hanks in aiuto del bambino bullizzato per il suo nome

Condividi

Tom Hanks ha risposto alla lettera di Corona, un bambino australiano di 8 anni preso di mira dai bulli per il suo nome, esprimendo la sua solidarietà e regalandogli una macchina da scrivere per rimanere in contatto con lui.

L’attore due volte Premio Oscar Tom Hanks ha inviato una lettera, ed una macchina da scrivere Corona, ad un bambino australiano che  gli ha chiesto aiuto dopo essere stato preso di mira a scuola per via del suo nome: Corona.

Coronavirus, a 99 anni dona 27 milioni di sterline: il web chiede di nominarlo Cavaliere

Corona De Vries, un bambino di otto anni della Gold Coast nel Queensland, ha deciso di contattare l’attore e a sua moglie Rita Wilson dopo aver scoperto che entrambi sono risultati positivi al coronavirus. La coppia si trovava in Australia per lavoro quando ha iniziato ad accusare i sintomi ma non è ancora chiaro se abbiano contratto il virus nel paese o negli Stati Uniti.


Mascherine, una nonna di 89 anni ne cuce 600 per le case di riposo della sua città

Il bambino, fan di Tom Hanks per il suo ruolo in Toy Story, ha scritto: “Ho saputo che avete il coronavirus, state bene?”. Corona ha spiegato di amare il suo nome ma a scuola hanno iniziato a prenderlo in giro chiamandolo “coronavirus”.

Coronavirus, un foto di famiglia per guardare il “lato positivo” della quarantena

Tom Hanks ha risposto: “La tua lettera ci ha fatto sentire così bene. Grazie per essere un grande amico, gli amici servono a farci stare bene quando siamo tristi. Sai, sei la prima persona che conosco a chiamarsi Corona, come la corona solare. Penso che questa macchina da scrivere sia adatta a te. Chiedi aiuto ad un adulto per farla funzionare. E usala per rispondermi”. L’attore ha concluso la lettera con “P.S. Hai un amico in me”, una citazione del film d’animazione Toy Story.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago