AnimaliGood News

Coronavirus, in Thailandia 78 elefanti tornano liberi

Condividi

Coronavirus. Maesa Elephant Camp. Chiang Mai. Nord Thailandia. Qui gli uomini si chiudono dentro casa e gli animali tornano liberi nella natura. La pandemia di coronavirus e le conseguenti misure restrittive hanno fatto sì che nessuno potesse più recarsi a visitare il parco degli elefanti, dove 78 pachidermi fanno spettacoli e portano a spasso per il parco le persone.

I proprietari del parco hanno così deciso di liberare per sempre gli animali dagli enormi sedili in legno e metallo che avevano sulle spalle per tutto i giorno.

Ma non è tutto.

Una volta finita l’emergenza coronavirus, ai 78 pachidermi sarà permesso vagare liberamente nei terreni della riserva e i visitatori potranno osservarli nel loro habitat.

“Da quando siamo entrati nel business nel 1976, cavalcare gli elefanti è sempre stata l’attività preferita dei turisti – ha detto in un’intervista all’Independent il direttore del parco, Anchalee Kalampichit – è la prima volta in 44 anni che succede”.

“Poiché il coronavirus si è diffuso, ci sono stati meno turisti e alla fine il governo ci ha ordinato di chiudere, quindi abbiamo rimosso le carrozze e liberato gli elefanti – ha poi aggiunto – non abbiamo in programma di rimetterle, anche se potremmo. Vogliamo cambiare lo stile del luogo e trovare altri modi per far il pubblico degli elefanti: daremo il benvenuto ai turisti per divertirsi imparando a conoscere gli stili di vita degli elefanti in modo naturale invece di usarli”.

Coronavirus, gli animali si muovono liberi per le città durante la quarantena

Ma nonostante il Parco sia chiuso, e quindi nessuna entrata, le attività ordinarie devono proseguire.

I proprietari dell’attrazione non devono solo sostenere le spese mensili di cura degli elefanti, ma anche continuare a pagare i 300 addetti del personale.

Il costo, secondo le stime del direttore del parco, ammontano a circa cinque milioni di baht (più o meno 156 mila euro).

Stiamo piantando verdure per far mangiare il personale e ridurre le spese” – ha spiegato Kalampichit.

Ma il Maesa Elephant Camp non è l’unico parco ad aver chiuso e dover far fronte alla cura degli animali, solo a Chiang Mai ci sono ben 93 parchi.

Coronavirus, circo bloccato nel casertano. Scatta solidarietà per animali

Il rischio è che se il governo non offrirà un sostegno finanziario per aiutare questi parchi a nutrire e prendersi cura dei loro elefanti, molti potrebbero essere abbandonati o venduti illegalmente.

“Non vogliamo che sia messo in pericolo il benessere degli elefanti, che tornino a vagare per le strade chiedendo banane o canna da zucchero” – ha detto al New York Times, Theerapat Trungprakan, presidente della Thai Elephant Alliance Association.

Un’altra ‘good news’ arriva dal Botswana, dove l’emergenza Covid-19 ha temporaneamente sospeso la caccia agli elefanti e gli attivisti sono pronti a combattere per far sì che non sia solo uno stop provvisoria.

In Botswana il divieto di caccia è stato abolito a maggio 2019 con la scusa che l’aumento dei pachidermi fosse una minaccia per i mezzi degli agricoltori e anche per le loro mandrie.

Photo by Mylon Ollila on Unsplash

(Visited 2.166 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago