Animali

Coronavirus, altri sette felini dello Zoo del Bronx positivi al test

Condividi

Dopo il primo caso della tigre Nadia altri sette felini dello Zoo del Bronx, che mostravano alcuni sintomi, sono risultati positivi al test del coronavirus. 

Quattro tigri e tre leoni dello Zoo del Bronx hanno contratto il COVID-19. I test sugli animali sono stati condotti dopo che questi hanno iniziato a mostrare gli stessi sintomi di Nadia, una tigre della Malesia risultata positiva all’infezione.

Coronavirus, la tigre dello zoo è risultata positiva al test  

Wildlife Conservation Society, che gestisce una serie di Zoo tra cui lo Zoo del Bronx ha spiegato in un annuncio: “Abbiamo fatto il test a tigri e leoni per precauzione e condivideremo ogni scoperta che possa aiutare il mondo a comprendere questo nuovo coronavirus”.Tutti i felini avevano iniziato a mostrare i sintomi tranne una tigre di montagna, risultata comunque positiva al test.

Animali, uno zoo trasmette i cartoni per fare compagnia agli scimpanzé

Secondo WCS gli animali sono stati contagiati da un guardiano asintomatico o che ha sviluppato i sintomi solo a seguito della chiusura dello zoo il 16 marzo. Come spiegato in precedenza, “i test sugli animali sono stati condotti in laboratori veterinari e non sono state tolte risorse ai test per gli esseri umani”. Tutti i felini comunque sono in fase di recupero e i sintomi si stanno attenuando.

 

Coronavirus, uno zoo in Germania: “Senza fondi saremo costretti a uccidere alcuni animali”

L’annuncio è giunto dopo che due gatti a New York sono risultati positivi al coronavirus; si tratta dei primi animali domestici contagiati sul suolo americano.

(Visited 101 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago