Coronavirus. Se da una parte l’emergenza sanitaria in corso ha costretto i Governi a mettere in campo misure restrittive tanto rigide quanto necessarie, dall’altra non manca chi cerca di aumentare i suoi profitti lucrando sulle paure dei consumatori e vendendo prodotti a prezzi più che decuplicati.

Per questa ragione, il Ministero delle Politiche Agricole ha attivato un indirizzo e-mail per poter inviare segnalazioni da parte di organizzazione agricole, associazioni di produttori e altri soggetti aggregati.

“La filiera agroalimentare italiana sta dando dimostrazione di grande responsabilità nel garantire l’approvvigionamento di cibo e bevande ai cittadini italiani – ha detto il Ministro delle Politiche Agricole, Tersa Bellanova – uno sforzo imponente dal campo fino ai punti di vendita, che vede coinvolte migliaia di lavoratrici e lavoratori”.

Etichetta, prorogato obbligo origine per pasta, riso e derivati pomodoro

“In questo contesto non c’è e non ci deve essere spazio per i comportamenti sleali – ha aggiunto Bellanova – vietate prima, intollerabili oggi, anche dal punto di vista etico dobbiamo evitare che si possano attivare pratiche sleali a danno degli anelli più deboli della filiera”.

“Per questo come Ministero  – ha spiegato ancora il Ministro – abbiamo deciso di dare la possibilità a organizzazioni agricole, consorzi, associazioni di produttori e soggetti aggregati di fare segnalazioni collettive di richieste anomale da parte degli acquirenti rispetto alla crisi in corso nel pieno spirito della Direttiva europea 633 del 2019. Chi pensa di poter approfittare di questa fase di emergenza per distorcere i rapporti di filiera non può agire indisturbato. Dobbiamo difendere il lavoro di tutti, nel pieno rispetto dei ruoli e delle funzioni, dimostrando ancora una volta che l’Italia sa unirsi e sa combattere insieme anche nelle situazioni più difficili“.

L’alimentazione in tempo di Coronavirus: fondamentale mantenere un buono stato di salute

“Già nel Dl del 2 marzo – ha concluso Bellanova – abbiamo previsto multe da 15 a 60mila euro per chiunque metta in atto pratiche sleali tra acquirenti e fornitori, colpendo il Made in Italy e danneggiando la nostra reputazione. Soprattutto in questo momento chi mette in campo concorrenza e pratiche sleali fa un danno enorme al Paese e ai cittadini. Non possiamo consentirlo in alcun modo”.
Per inviare le segnalazioni è stata aperta la casella di posta elettronica pratichesleali@politicheagricole.it

Le segnalazioni saranno gestite dal Ministero, attraverso l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF).

Articolo precedenteRoma, #laculturaincasa su web e social. Tutti gli appuntamenti dal 30 marzo al 5 aprile
Articolo successivoCoronavirus, aumenta la violenza domestica: ecco come possono chiedere aiuto le donne