AttualitàSalute

Online il portale “Sars-CoV-2: Frontiere della ricerca” per rispondere alle domande sul coronavirus

Condividi

Coronavirus. Nasce “Sars-CoV-2: Frontiere della ricerca”, il portale online che risponde a tutte le domande sulla pandemia. All’interno del portale, edito da Zanichelli in collaborazione con la Società di Biofisica e Biologia molecolare (SIBBM), sono raccolti una serie di contributi realizzati da scienziate e scienziati italiani che delineano lo stato dell’arte su quello che sappiamo sul virus SARS-CoV-2 e sulla COVID-19.

Come si trasmette, quali sono gli effetti clinici, come reagisce l’organismo umano all’infezione, qual è lo stato della ricerca sui vaccini e sulle terapie, l’origine evolutiva del virus, i meccanismi che usa per riprodursi, quello che sappiamo sulla sua struttura e sul modo con cui entra nelle cellule umane, sono solo alcuni degli argomenti trattati.

Nel portale sono stati inseriti anche degli approfondimenti su aspetti rilevanti per la ricerca sanitaria, come l’epidemiologia, i test sierologici, le nuove tecnologie per la diagnosi (dagli strumenti molecolari all’intelligenza artificiale), l’analisi bioinformatica e gli aspetti socio-psicologici della pandemia.

I contributi saranno costantemente aggiornati e liberamente disponibili.

Coronavirus, nel mondo oltre un milione di decessi. Guterres: “traguardo angosciante”

“È necessario quindi lavorare non solo per comunicare i risultati della ricerca in modo comprensibile, ma anche – e soprattutto – per far capire le basi stesse del ragionamento scientifico e della ricerca, che si nutrono assai più di domande che di risposte certe – spiega Valeria Poli nella prefazione – la scienza può e deve formare oltre che informare, supportando le decisioni della politica senza sostituirsi a essa, e soprattutto ha bisogno di tempo e sostegno economico e organizzativo”.

Il progetto è stato realizzato da Zanichelli – casa editrice da oltre 160 anni impegnata nella divulgazione scientifica – ed è a cura di Valeria Poli, Presidente della SIBBM e docente dell’Universita’ di Torino, e di Barbara Illi, ricercatrice del CNR e membro della SIBBM.

Alla sua realizzazione hanno contribuito un cospicuo numero di ricercatrici e ricercatori del CNR, tra cui il gruppo di Biologia strutturale dell’Istituto di Biologia e Patologia molecolari (Andrea Ilari, Linda Montemiglio, Linda Savino e Adele di Matteo) e dell’Istituto di Biomembrane, Bioenergetica e Biotecnologie molecolari (Matteo Chiara e Graziano Pesole).

Hanno contribuito al progetto anche Liliana Dell’Osso e collaboratori dell’Università di Pisa, Federica Facciotti, Federica Bellerba, Andrea Caldarone, Sara Gandini dell’Istituto Europeo di Oncologia.

Partendo dalle origini e dalla biologia molecolare del virus, arrivando alle sue manifestazioni cliniche, attraversando le sue caratteristiche epidemiologiche, per arrivare all’impatto psicologico e sociale della pandemia, il portale fornisce una visione d’insieme del mondo di SARS-CoV-2/COVID-19 e di come abbia cambiato le nostre vite – sottolinea nell’introduzione Barbara Illi.

Coronavirus, Speranza: “sei mesi per vedere la luce e poi vincere la sfida”

La Società di Biofisica e Biologia molecolare (SIBBM, sibbm.org), fondata nel 1965, è un’organizzazione no profit volta a promuovere la ricerca di base e traslazionale nei campi della Biologia molecolare e della Biofisica.

SIBBM sostiene diverse attività di formazione, organizzando seminari, conferenze, dibattiti, corsi di aggiornamento incentrati su questioni scientifiche all’avanguardia, che coinvolgono scienziate e scienziati nazionali e internazionali di alto calibro, in un ambiente interattivo che favorisce la partecipazione e la crescita delle ricercatrici e dei ricercatori più giovani.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago