ClimaCultura

Coronavirus, arriva la piattaforma del Ministero dell’Ambiente sul clima per le scuole

Condividi

Coronavirus. Continuano le iniziative del ministero dell’Ambiente per i cittadini costretti nelle loro abitazioni con la campagna #AmbienteInCasa.

“In questi giorni di grande difficoltà abbiamo pensato a contenuti che possano unire la didattica all’educazione ambientale, per far crescere nei più piccoli e nei ragazzi, che saranno il nostro futuro, una sensibilità ambientale, sempre più necessaria”– dichiara il ministro Sergio Costa.

Arriva online la piattaforma web “EducazioneDigitale.it/mattm” dedicata al mondo della scuola e degli educatori, nata proprio quale strumento formativo realizzato nell’ambito di un progetto pilota di alternanza scuola-lavoro con il Liceo Virgilio di Roma.

Inquinamento, nessuna deroga. Costa: “Metterebbe solo a rischio la salute dei cittadini”

Il progetto pilota “PAnDA – Professioni Ambientali nella Didattica Alternativa” ha promosso sia percorsi di sensibilizzazione e didattica alternativa sulle tematiche ambientali, principalmente quelle legate al cambiamento climatico e allo sviluppo sostenibile, sia elementi informativi sui green job.

“Il ministero dell’Ambiente – afferma il ministro Costa – vuole condividere con gli insegnanti e gli alunni di tutta Italia i materiali sviluppati nell’ambito del progetto PAnDA in un momento in cui l’emergenza coronavirus ha reso necessaria la chiusura delle scuole e la sperimentazione della didattica a distanza. Utilizzare uno strumento quale la piattaforma web “EducazioneDigitale.it” può essere un valido contributo sia per non perdere di vista quelle che sono le sfide globali, a cui siamo chiamati a rispondere a tutti i livelli, sia per continuare a diffondere la cultura ambientale in una modalità compatibile con le esigenze di distanziamento sociale”.

Scuola, tutti i migliori contributi della ricerca italiana sulla piattaforma Indire

La piattaforma delinea un percorso didattico suddiviso in 8 sezioni tematich 8 sezioni tematiche  (cambiamento climatico; accordi internazionali; cause ed effetti; sviluppo sostenibile; mobilità sostenibile; ciclo di vita dei prodotti; efficienza energetica; energie rinnovabili) e articolate in:

  • strumenti multimediali con metodologia “Open Mind” comprensivi di slide ed esercizi (in parte sviluppati dagli studenti), che consentono ai ragazzi di acquisire conoscenze in modo attivo attraverso il lavoro cooperativo, la riflessione partecipata e la discussione di gruppo. La persona di riferimento per l’utilizzo di tali strumenti, che può essere un esperto del tema o lo stesso docente, diventano i facilitatori di un processo di conoscenza partecipato e responsabilizzante, tanto per il singolo, quanto per il gruppo;
  • una open library consistente in un ricco archivio di materiali di approfondimento ed eventuali schede per ulteriori esercizi;
  • un test finale comune a tutte le sezioni, da effettuare a conclusione del percorso di formazione.

Inoltre, gli studenti possono usufruire di una sessione video sul tema del cambiamento climatico, corredata da brevi questionari per stimolare il dibattito e di una sezione Green job su alcune opportunità professionali legate ai temi ambientali e allo sviluppo sostenibile.

CinemAmbiente a casa tua, ogni tre giorni on line film su tematiche green

Da oggi, inoltre, sulla www.cinemambiente/acasatua è online il primo dei film della rassegna “CinemAmbiente a casa tua” organizzata dal ministero dell’Ambiente insieme al Festival Cinemambiente – Museo Nazionale del Cinema.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago