Attualità

Coronavirus, il paese unito tramite i social lancia iniziative al grido di “Andrà tutto bene”

Condividi

Flash mob e iniziative tramite i social per dare forza e sostegno a tutta la popolazione in piena emergenza. Insieme ce la faremo. Restiamo a casa, uniti ma a casa. Alle ore 18:00 oggi prendete uno strumento musicale e suonatelo dalla finestra. Andrà tutto bene.

Si susseguono gli inviti ad iniziative web e flash mob per sostenere la popolazione in questo momento difficile. Oggi, alle 18, tutti sono invitati a prendere il loro strumento musicale e a mettersi a suonarlo dalla loro finestra affinché il Paese possa diventa, per pochi minuti, un gigantesco concerto gratuito.

Coronavirus, i consigli degli psicologi: la tecnologia come strumento ‘anti-ansia’

A prendere parte a questa iniziativa sono invitati  tutti bambini e le loro famiglie a disegnare un arcobaleno con la scritta “Andrà tutto bene” da appendere a balconi e finestre domani.

Con l’hashtag #andràtuttobene in queste ore si possono già vedere molte foto di bambini e ragazzi che, con le loro famiglie, stanno usando matite colorate, pennarelli, tempere per realizzare le loro piccole grandi opere di speranza.

Coronavirus, “Io resto in corsia, tu resta a casa”. La campagna lanciata dal policlinico di Bari

Crescono le adesioni in queste ore all’evento “Napoli non si spegne“. Come spiegato dal suo promotore Michele Del Vecchio, direttore di Spazio Tangram, l’iniziativa consiste nell’illuminare il balcone di casa propria tutti insieme per due minuti domani, dalle 20, facendo in modo che vari quartieri della città si illuminino due a due, ogni cinque minuti, fino alle 20.30.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A Napoli nel tempo del Covid-19… popolo unico #coronavirus #napoli #italia

Un post condiviso da silvio varone (@silvio.varone) in data:

Coronavirus, arriva “scienza contagiosa”, le lezioni virtuali di Frascati Scienza

Lo facciamo prendendo in prestito le parole di Italo Calvino: ‘Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore“. Ed è proprio dall’alto che vogliamo far vedere il nostro essere vicini, quartiere e quartiere, regalando ad un astronauta immaginario la visione di un meraviglioso gioco di luci”.

Coronavirus, come si è ridotto l’inquinamento dopo il blocco per fermare il contagio

A Milano alcuni internauti hanno lanciato per domani la “mestolata collettiva“: “A chi è sola o solo, a chi è ammalato o ammalata, a chi è in isolamento o passa turni sfiancanti in ospedale: a tutti loro, facciamo sentire la nostra vicinanza e il nostro supporto“, “armiamoci di padelle e mestoli, perché alle 19 in punto ci uniremo in una ‘mestolata’ collettiva di speranza, condivisione, incoraggiamento, resistenza. Cinque minuti di percussioni caserecce per sentirsi parte di una grande comunità che non si arrende e che suona insieme il ritmo della vita“. Altra proposta che sta diventando virale quella di fare scattare domani, esattamente a mezzogiorno, un grande applauso “per tutto quello che ognuno di noi sta facendo per la Nazione”.

(Visited 505 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago