Coronavirus. Posticipare di un mese le scadenze per le domande PAC; prorogare al 15 ottobre alcune scadenze relative ai pagamenti diretti e al 31 dicembre i pagamenti delle misure a superficie dei Programmi di Sviluppo Rurale Regionali e prorogare l’attuazione dei programmi di promozione e dei programmi di sostegno delle OCM.

Sono le richieste contenute in una lettera che il Ministero delle Politiche Agricole ha inviato alla Commissione Agricoltura dell’Unione Europea al termine di una prima analisi dello stato dell’arte effettuata dalla Task Force insediata al Mipaaf per fronteggiare le criticità vissute dal settore in seguito all’emergenza corona virus.

La sollecitazione è giunta in questa settimana da imprese agricole, associazioni di categoria, rappresentanti dei lavoratori, Regioni.

“La difficoltà che sta attraversando il settore è evidente – dice la Ministra delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova – e bisogna fare di tutto per allentare la morsa che stringe imprese e lavoratori. Le richieste che facciamo a Bruxelles vanno in questa direzione e soprattutto tendono ad impedire che possano vanificarsi risultati e sforzi di anni”.

Agricoltura, al via primo bando nazionale per i Distretti del cibo

“Lo slittamento di una iniziativa pubblica significa mandare in fumo investimenti e lavoro rilevanti, ed è un problema che va assolutamente affrontato – ha aggiunto Bellanova – così i problemi nella gestione di alcune misure dei Piani di Sviluppo regionali. Altra storia la Puglia. Lì dobbiamo evitare che l’agricoltura pugliese paghi un danno troppo alto per i milioni e milioni che la Regione non è stata capace di spendere e che rischiano il definanziamento”.

Coldiretti: ‘Coronavirus ha paralizzato attività agricole’, Mapaaf attiva task force

Nel testo si evidenziano, puntualmente, le difficoltà vissute dal settore in queste settimane:

  • logistica e trasporti, anche verso Paesi extra-Ue;
  • difficoltà nell’attuazione “dei programmi di promozione ed informazione dei settori vitivinicolo, ortofrutticolo, olio di oliva, frutta e latte nelle scuole” con il rinvio di numerosissime manifestazioni pubbliche;
  • rischio impasse nell’attuazione dei programmi di sostegno delle OCM;
  • penalizzazioni delle attività commerciali con “riflessi pesanti” anche sul valore della produzione commercializzata;
  • difficoltà nella gestione delle misure dello Sviluppo rurale anche per i possibili slittamenti delle necessarie verifiche da parte degli Organismi pagatori.

Agricoltura, allarme Coldiretti: natura in tilt con la finta primavera

Proprio su quest’ultimo aspetto l’ultimo passaggio dedicato alla Puglia per sottolineare come “il mutato scenario sta rallentando le azioni messe in campo dalle Autorità regionali per completare le procedure di erogazione dei contributi previsti dal Psr, a suo tempo sospese a causa del contenzioso generatosi”.

 

 

 

Articolo precedenteEconomia circolare, creare materiali innovativi dagli scarti vegetali si può VIDEO
Articolo successivoGreta Thunberg, ancora bersaglio di violenza: commissionata una sex doll con il suo aspetto