AttualitàSalute

Coronavirus, miopia infantile cresciuta del 40% durante i lockdown

Condividi

Secondo uno studio su Lancet sono cresciuti del 40% i casi di miopia tra i giovani tra i 5 e i 18 anni durante i periodi di lockdown. La causa sarebbe da attribuirsi alle tante ore davanti al pc causate dalla DAD e dal poco tempo passato all’aperto.

Il 2020 è stato un anno unico nella storia dell’umanità. Tutti gli abitanti del pianeta hanno dovuto passare periodi più o meno lunghi chiusi in casa, senza interazione all’esterno se non il minimo indispensabile. Una delle conseguenze silenziose di questo isolamento è stato l’aumento della miopia infantile. Recenti studi di diverse università in Cina, Canada e America Latina concordano sul fatto che la ragione principale dell’aumento di questa malattia dell’occhio nell’ultimo anno, sia stata la mancanza di luce solare.

Coronavirus, le mascherine nelle scuole che nessuno usa: almeno due miliardi rimaste inutilizzate

Carolina Picotti, medico, oculista pediatrico e autrice di uno studio recentemente pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet, spiega a El Pais, che i raggi del sole rilasciano dopamina nella retina, sostanza che impedisce al bulbo oculare di allungarsi. “Se i bambini non escono all’aria aperta e non ricevono la luce solare, i loro corpi non generano questo neurotrasmettitore”, afferma la ricercatrice argentina. E aggiunge: “Nessuna luce artificiale può sostituire i raggi del sole nella generazione di dopamina”.

 


Secondo Picotti, le conclusioni del lavoro, a cui hanno partecipato oltre 16 oftalmologi provenienti da tutte le regioni del Paese sudamericano, mostrano che la miopia dei partecipanti, di età compresa tra i 5 e i 18 anni, è cresciuta in media del 40% tra 2019 e 2020, l’anno in cui sono rimasti in lockdown. “La percentuale di aumento della miopia non solo è molto alta, ma conferma anche l’ipotesi che fattori ambientali, non solo fattori genetici, possano intensificare o attenuare questa malattia“.

Inquinamento, nonostante il Coronavirus non cala la presenza di CO2 nell’atmosfera

Questo aumento dei problemi di messa a fuoco della visione a distanza, che si ripete in varie regioni del mondo, è molto preoccupante se si tiene conto del fatto che l’Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente stimato che nel 2050 metà della popolazione mondiale sarà miope.

 

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago