E’ diventata virale la campagna lanciata dai medici del Policlinico di Bari #iorestoincorsia #turestaacasa. Un invito per tutti ad essere responsabili, solo insieme si fermare il contagio del coronavirus. Restare a casa vuol dire anche avere rispetto per chi ogni giorno è in prima linea per dare assistenza e cure alle persone contagiate e non solo. 


Medici, infermieri e operatori del Policlinico di Bari in prima linea per combattare il coronavirus lanciano sulla pagina Instagram la campagna di sensibilizzazione con gli hashtag #Iorestoincorsia #Turestaacasa.

Un invito alla responsabilità, ognuno deve fare la propria parte. Restare a casa consentirà di ridurre la diffusione di covid19, aiuterà il settore sanitario a fare al meglio il proprio lavoro.

Coronavirus, facciamo la nostra parte: l’appello degli artisti #iorestoacasa

Coronavirus, l’Italia che non può stare a casa: l’odissea delle partite IVA

Una battaglia comune di medici e cittadini. Tra le foto ci sono anche quelle del direttore generale del Policlinico, Giovanni Migliore, del primario del reparto di rianimazione Salvatore Grasso e del presidente della scuola di medicina, Loreto Gesualdo.

La campagna sta diventando virale sui social, raccogliendo numerosi consensi da parte degli operatori sanitari e da parte dei cittadini.

Un invito da seguire come gesto di solidarietà e gratitudine nei confronti degli operatori del sistema sanitario regionale impegnati a fronteggiare l’emergenza.

Articolo precedenteNWG Energy Days, gli eventi di beneficenza che uniscono solidarietà e sostenibilità
Articolo successivoInquinamento, la Cina ridurrà i controlli ambientali per favorire la ricrescita post coronavirus