AttualitàSalute

Coronavirus, dallo sport alla moda passando per la musica tutte le iniziative benefiche

Condividi

Coronavirus. Sono tante, in tutto lo stivale, le iniziative di solidarietà che fanno appello alla generosità di tutti quanti noi a donare in favore degli ospedali e della protezione civile per aiutare a superare quest’emergenza “Coronavirus”.

L’iniziativa benefica organizzata da Chiara Ferragni e Fedez sulla piattaforma GoFundMe, ha raccolto 4.220.250 euro in favore dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Importante anche #RiprendiAMOfiato, la campagna lanciata da Luciana Littizzetto che ha raccolto 338.404 euro (8,4mila donazioni) per l’unità di crisi della Regione Piemonte.

L’associazione Nazionale Cantanti ha messo a disposizione il numero solidale 45527.

Numero attivo per tutti ed al quale hanno già donato molti cantanti.

Alex Britti ed Emma ad esempio, hanno fatto la loro donazione in diretta mentre facevano i loro “live” sui canali social in questi giorni di quarantena.

Il numero solidale infatti, appoggia l’iniziativa di Rockol #Iosuonodacasa.

Coronavirus, Amazon assumerà 100,000 dipendenti per rispettare le spedizioni

Anche Giorgia Palmas e Filippo Magnini hanno voluto organizzare una raccolta fondi su GoFundMe per sostenere l’attività medica degli ospedali del Gruppo San Donato, raccogliendo finora 7.342 euro con 354 donatori.

Francesco Facchinetti, Andrea Petagna e da diversi gruppi che vogliono “sostenere concretamente lo sforzo del Paese per garantire a tutti l’accesso a cure adeguate”, hanno lanciato l’iniziativa #nonLasciamoIndietroNessuno  che finora con 3 mila donazioni ha raccolto 201.827 euro.

In campo anche la ‘regina dei social’ Taffo, l’agenzia funebre che più volte ha fatto parlare di sé per le sue campagne, ha raccolto 13.466 euro per lo Spallanzani.

Lazio doctor covid, arriva l’app per visite da remoto

Non sono mancate le iniziative benefiche lanciate dal mondo dello sport:

  • la Roma con Roma Cares ha raggiunto 256.324 euro per supportare l’ospedale Spallanzani;
  • il Milan ha raccolto 273.228 mila euro che donerà ad AREU, Azienda Regionale Emergenza Urgenza;
  • la Juventus ha lanciato l’iniziativa “DistantiMaUniti” per il Piemonte e ha raccolto finora 409.786 euro
  • l’Inter ha donato 100mila euro al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche “L. Sacco” di Milano e 300mila mascherine e altri prodotti sanitari al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile. Inoltre, i giocatori, lo staff e dipendenti neroazzurri hanno donato in totale 500mila euro ed è stato chiesto ai tifosi di donare raccogliendo ulteriori 79mila euro.

Legambiente lancia il progetto ECCO, tre attività da fare a casa che fanno bene al pianeta

Importanti donazioni sono arrivate anche dal mondo della moda:

  • Bvlgari ha donato una “cospicua” somma all’ospedale Spallanzani;
  • Armani ha donato un milione e 250 mila euro al San Raffaele, al Sacco, all’Istituto dei tumori di Milano, allo Spallanzani di Roma e alla protezione civile;
  • Dolce e Gabbana hanno scelto di destinare fondi all’Humanitas University per sostenere uno studio coordinato da Alberto Mantovani
  • Manila Grace, Carpisa e Yamamay hanno deciso di donare 5 euro per ogni scontrino emesso nel mese di marzo

 

Clicca qui per sostenere direttamente gli ospedali italiani.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago