AttualitàSalute

Coronavirus, guarita l’infermiera protagonista della foto simbolo della lotta al virus

Condividi

E’ guarita l’infermiera dell’ospedale di Cremona, Elena Pagliarini, protagonista della foto diventata virale sui social network simbolo della lotta al virus. “Non vedo l’ora di tornare in mezzo ai miei colleghi e alla mia professione, una professione che adoro”,le parole di Elena dopo il primo tampone risultato negativo.

Si è ammalata di coronavirus e ora è guarita Elena Pagliarini, l’infermiera di 43 anni dell’ospedale di Cremona protagonista della fotografia diventata tre settimane fa un simbolo della lotta al virus, in cui era ritratta addormentata sulla tastiera di un computer, con ancora indosso guanti, mascherina, camice e copricapo. E’ risultata positiva cinque giorni più tardi quel turno estenuante.

Coronavirus, caos rimborsi: sul sito dell’INPS si può accedere ai dati personali di altri utenti

Non vedo l’ora di tornare in mezzo ai miei colleghi e alla mia professione, una professione che adoro. Tutti i giorni si rischia, ma è il mestiere che ho scelto, una scelta di cui sono fermamente convinta. Mi spaventa, invece, psicologicamente l’idea di incontrare gli sguardi che ho visto quella volta. Non li dimenticherò mai, mai. Ho ancora tanta angoscia nel mio cuore“, sono le parole di Elena dopo il primo tampone risultato negativo.

Coronavirus da crisi sanitaria a crisi sociale: ripartire dal Green New Deal

Ora è in attesa del responso del secondo. Se anche questo test andrà bene, rientrerà al Maggiore dove lavora dal 2005, come riporta il sito ‘Cremonasipuò.it’ che l’ha intervistata. Cremona è una delle province della Lombardia che ha registrato il maggior numero di vittime per Covid-19. “Ho perso degli amici e il papà di uno di loro. Quando tutto questo finirà, dovremo guardarci intorno e vedere chi è rimasto. Ho paura che mancherà qualcuno di cui non mi sono accorta“, racconta.
(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago