Attualità

Coronavirus, confermato caso al Ministero dell’Ambiente. Costa: “La sede chiusa per bonificare”

Condividi

È stato confermato un caso di Covid 19 al ministero dell’Ambiente, si tratta di un collaboratore esterno di una direzione. Sergio Costa “La sede del Ministero sarà chiusa da oggi fino a domenica per la sanificazione totale”.

Coronavirus, l’inevitabile risposta della natura all’assalto dell’uomo

È stato confermato un caso di Covid 19 al ministero dell’Ambiente, si tratta di un collaboratore esterno di una direzione. Per questo la sede del Ministero sarà chiusa da oggi fino a domenica per la sanificazione totale. Ma non per questo i lavori si fermano. Tutti i dipendenti sono a casa e lavorano in smart working e lavoro agile, e ringrazio tutti per la disponibilità e la dedizione. Non nascondiamo che ci sia un rallentamento dei lavori, ma non ci si ferma. Questo che vedete, non è il mio ufficio: ringrazio l’Ispra e il suo presidente Stefano Laporta, perchè in questi giorni sta ospitando me e il mio staff“. Scrive il ministro Sergio Costa in un post su Facebook.

Coronavirus, l’Italia chiude ma l’ex Ilva? Il paradosso di una pandemia mondiale

Come un buon comandante, sarò in prima linea, in qualsiasi condizione, per portare avanti questa nave che è il Ministero dell’ambiente. Bonifiche, tutela della Natura e delle acque, lotta ai cambiamenti climatici, gestione del sistema rifiuti, non possono aspettare“. E chiude con l’hashtag #lambientenonsiferma.

Coronavirus, con le misure di quarantena in Cina evitate 77mila morti per inquinamento

(Visited 58 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago