Clima

Coronavirus, anche con la pandemia l’emergenza climatica non si è fermata

Condividi

Nonostante i dati positivi sull’ambiente, dall’inquinamento ridotto al recupero delle foreste, il coronavirus ha influito solo minimamente sull’avanzare della crisi climatica, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite.

La risposta globale al Covid-19 ha a malapena intaccato le cause del cambiamento climatico, secondo un nuovo importante rapporto.

Mentre le emissioni di CO2 sono crollate durante il blocco, le concentrazioni del gas a lunga durata hanno continuato ad aumentare nell’atmosfera.

Coronavirus, perchè non combattiamo l’emergenza climatica con lo stesso impegno?

Il rapporto United in Science riunisce esperti di un gran numero di organizzazioni internazionali, comprese le Nazioni Unite e l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), per fornire un’istantanea aggiornata dello stato del clima globale.

Lo studio mostra che i blocchi globali hanno avuto un impatto significativo e immediato sulle emissioni di gas serra, con livelli giornalieri nell’aprile 2020 in calo del 17% rispetto al 2019.

Ma questo forte calo non è stato mantenuto. Quando il mondo è tornato a lavorare, le emissioni sono aumentate e entro giugno erano entro il 5% dell’anno precedente.

Nel 2020, l’aspettativa è che le emissioni scenderanno del 4-7%.

Sebbene le emissioni possano dirci cosa sta succedendo sul terreno, sono le concentrazioni di questi gas nell’atmosfera che fanno la differenza per le temperature globali.

Poiché la CO2 può durare per secoli, l’aggiunta anche di una quantità ridotta all’aria aumenta il potenziale di riscaldamento di tutto il gas che si è accumulato nel corso dei decenni.

Coronavirus, pandemia e crisi climatica: la natura ci sta inviando un segnale

Questo nuovo studio mostra che è esattamente quello che è successo in un paio di stazioni di monitoraggio chiave in tutto il mondo.

All’osservatorio di Mauna Loa alle Hawaii, la quantità di CO2 misurata nei campioni d’aria è aumentata da 411 parti per milione (ppm) nel luglio 2019 a 414 ppm nel luglio di quest’anno.

Allo stesso modo, alla stazione di monitoraggio di Cape Grim in Tasmania, le concentrazioni sono aumentate da 407 a 410 ppm nell’anno fino a luglio.

Un quadro globale completo sulle concentrazioni atmosferiche dei gas non sarà disponibile fino alla fine di quest’anno, ma gli esperti dicono che la direzione è chiara.

“Le concentrazioni di gas serra – che sono già ai massimi livelli in tre milioni di anni – hanno continuato a crescere”, ha affermato il Segretario generale dell’OMM, Prof Petteri Taalas.

 


Nel frattempo, vaste aree della Siberia hanno visto un’ondata di caldo prolungata e notevole durante la prima metà del 2020, cosa che sarebbe stata molto improbabile senza il cambiamento climatico antropogenico.”

E ora il 2016-2020 sarà il periodo quinquennale più caldo mai registrato. Questo rapporto mostra che mentre molti aspetti della nostra vita sono stati interrotti nel 2020, il cambiamento climatico è continuato senza sosta“, ha detto.

 


Il rapporto evidenzia anche il crescente divario tra l’azione necessaria per mantenere sotto le soglie di temperatura e la realtà degli sforzi per ridurre le emissioni.

“Mai prima d’ora è stato così chiaro che abbiamo bisogno di transizioni a lungo termine, inclusive e chiare per affrontare la crisi climatica e raggiungere uno sviluppo sostenibile“, ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, in una prefazione al rapporto.

Dobbiamo trasformare la ripresa dalla pandemia in una reale opportunità per costruire un futuro migliore”, ha scritto. “Abbiamo bisogno di scienza, solidarietà e soluzioni”.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago