Economia

Coronavirus e Decreto Liquidità, la BCC in campo a sostegno del territorio

Condividi

Il presidente della BCC Colli Albani Maurizio Capogrossi racconta come la banca sia da sempre a sostegno del territorio dei Castelli Romani, anche e soprattutto in questo periodo di crisi sanitaria, economica e sociale.


Il rapporto tra la BCC Colli Albani e i Castelli Romani è sempre stato di stretto supporto e collaborazione reciproca: lo è ancora di più in questo momento di crisi economica e sanitaria, come spiega il presidente della BCC Colli Albani Maurizio Capogrossi:

La BCC è una banca di territorio, e come tale la nostra preoccupazione è quella di sostenere tutte quelle aziende che agiscono nel nostro territorio. Queste aziende hanno un vissuto e un tessuto da portare avanti da un punto di vista economico, alludo soprattutto ai ristoratori, ai bar, a tutte quelle attività fondamentali, dagli artigiani ai piccoli commercianti.”

Le Banche di Credito Cooperativo nascono inizialmente a supporto del sistema agricolo, poi con la diminuzione dei contadini e l’avvento del commercio come fonte primaria di guadagno la maggior parte della clientela proviene dall’artigianato e dal commercio. Oserei dire che le famiglie e le piccole e medie imprese occupano un buon 80/90% della nostra clientela.

Per quanto riguarda il Decreto Liquidità la decisione del Consiglio di Amministrazione è stata di essere più ampia possibile nel rispetto dei decreti che il nostro governo ha messo in campo ma, al di là di questo, vedere se c’era nelle maglio degli accordi atti o di vecchie normative la possiblità di ampliare qualche aiuto non presente nel decreto, ma che può essere utile alla banca per sostenere le attività che in questo momento stanno vivendo delle difficoltà enormi.

Per i metodi di erogazione dei fondi la Banca si è organizzata sia tramite sito internet, da cui possono scaricare i vari stampati da mandare direttamente via mail, ma nello stesso tempo stiamo dando anche vari appuntamenti direttamente nelle varie filiali, per non far mancare alle persone che non hanno dimestichezza con la tecnologia la possibilità di accedere al servizio di erogazione fondi previsto dal Decreto Liquidità, affinchè tutti possano trovare la giusta risposta alle loro richieste

 

(Visited 116 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago