AttualitàSalute

Coronavirus, la febbre si misura a scuola. Tar Piemonte respinge sospensiva Miur

Condividi

Coronavirus. La febbre si misura a scuola. Il Tar del Piemonte ha respinto la richiesta del Ministero dell’Istruzione che chiedeva di sospendere l’ordinanza del Governatore Cirio che impone di misurare la febbre agli alunni a scuola.

Ha vinto il buonsenso, sono sempre stato convinto della bontà delle nostre ragioni” – è stato il commento del Governatore, Alberto Cirio.

Coronavirus: boom di download per ‘Immuni’, 221 positivi hanno caricato dati

Nonostante a livello nazionale la responsabilità della misurazione della temperatura dei ragazzi prima di portarli a scuola è stata data alle famiglie, la Regione Piemonte ha imposto una garanzia in più: i genitori sono tenuti a dimostrare di aver eseguito la misurazione della temperatura firmando un’autocertificazione (un modulo prestampato o scritto sul diario), nel caso in cui la misurazione della temperatura dello studente non risulti da nessuna parte, allora è compito della scuola controllare la febbre prima dell’inizio delle lezioni.

Scuola, com’è andato il rientro in classe per gli studenti di tutta Italia

Ma se per il Governo, che tramite la Ministra dell’Istruzione Azzolina ed il Ministro della Salute Speranza ha presentato ricorso, l’ordinanza del Piemonte è una ‘deresponsabilizzazione delle famiglie’, per il Tar il provvedimento non si pone in contrasto con la normativa nazionale in quanto lascia la responsabilità alle famiglie integrandola con una garanzia in più.

Coronavirus, anche con la pandemia l’emergenza climatica non si è fermata

Come si legge nel decreto di rigetto della sospensiva, per il Tribunale Amministrativo, non c’è il rischio di assembramenti davanti alla scuola, perché i dirigenti possono occuparsi del controllo dell’autocertificazione nei medi e negli spazi che ritengono opportuni, dal cortile alla palestra.

Inoltre – conclude il Tar – l’ordinanza regionale non provoca alcun ‘danno per lo Stato’ (come sottolineato nel ricorso del Miur), ma anzi, è la richiesta di sospensiva a ridurre il livello di tutela dal contagio.

 

 

 

Photo by Polina Tankilevitch from Pexels

 

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago