InquinamentoRifiuti

Torna l’appuntamento con “Un sacco in Comune, a tutta plastica!” di Corepla

Condividi

Torna l’appuntamento con “Un sacco in Comune, a tutta plastica!”, la campagna di Corepla patrocinata dal Ministero della Transizione Ecologica per migliorare la qualità della raccolta degli imballaggi in plastica. Dal 28 giugno, per quattro settimane 6 Comuni si “sfideranno” con lo scopo di migliorare la qualità della raccolta differenziata degli imballaggi in plastica.

Da nord a sud, i primi Comuni coinvolti nell’iniziativa sono: Chioggia, Fiumicino, Crotone, Termini Imerese, Marsala e Licata.

L’iniziativa, affianca la campagna “Riportiamoli a bordo”, promossa sempre dal Ministero della Transizione Ecologica in collaborazione con Corepla e Castalia, e che prevede la raccolta dei rifiuti galleggianti lungo gli 800 km di coste italiane attraverso la flotta antinquinamento del Ministero.

Progetto che vede Corepla impegnata nella verifica, misurazione e analisi delle quantità e qualità di quello che viene rinvenuto e valutazione dell’effettiva riciclabilità degli imballaggi in plastica.

Plastica monouso, dal 3 luglio scatta la messa al bando dell’Ue. Ma l’Italia continua a produrre troppi rifiuti

Per il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, “la della raccolta della plastica nei mari è un’iniziativa molto importante che il Ministero della Transizione ecologica sta portando avanti con Corepla e Castalia”.

 “Ben vengano le iniziative di sensibilizzazione e informazione sul territorio circa la raccolta differenziata – ha aggiungo Cingolani – è da lì che parte una efficace raccolta e quindi la base per un buon riciclo, che rende efficace l’economia circolare. Bisogna investire soprattutto nell’informazione dei più giovani, di cui auspico un pieno coinvolgimento, perché il futuro è loro”.

 “Noi di Corepla – ha dichiarato il Presidente, Giorgio Quagliuolo – lavoriamo costantemente per migliorare la quantità e la qualità della raccolta differenziata nel nostro Paese con un obiettivo preciso: evitare la dispersione nell’ambiente degli imballaggi in plastica e raccoglierli perché con il riciclo possano avere una seconda vita. Differenziare bene i rifiuti non è sempre facile per i cittadini, per questo da anni portiamo avanti campagne di informazione e sensibilizzazione che li indirizzino verso una corretta e consapevole raccolta differenziata”. 

“La campagna ‘Un sacco in Comune, a tutta plastica!’ – aggiunge Quagliuolo – vuole essere uno stimolo affinché i cittadini siano sempre più attenti a fare una raccolta di qualità, ingrediente indispensabile per ottenere un buon riciclo e promuovere una vera economia circolare. Il rispetto per l’ambiente deve diventare uno stile di vita, un atteggiamento da apprendere fin da piccoli e di cui fare tesoro”.

Inaugurato in Italia il primo anfiteatro al mondo con sedute in plastica riciclata

I Comuni dovranno dimostrare il loro alto livello di sensibilità rispetto alle tematiche ambientali e misurarsi sulla qualità della raccolta differenziata degli imballaggi in plastica che si effettua nel territorio.

Il comune più virtuoso, la cui diminuzione della frazione estranea sarà risultata più significativa in termini percentuali, riceverà in dono un arredo urbano in plastica riciclata.

Durante tutto il periodo della campagna, Corepla sarà presente nei sei Comuni interessati con un’intensa attività di comunicazione sul tema della raccolta differenziata e del riciclo degli imballaggi in plastica.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago