Riciclo e RiusoVideo

Corepla sceglie LinkedIn per il debutto della serie “L’altra faccia della plastica”

Condividi

Per la prima volta su LinkedIn 10 appuntamenti in cui i professionisti del Consorzio racconteranno i temi della raccolta differenziata e del riciclo degli imballaggi in plastica.

“E se smettessimo di pensare alla plastica come a un rifiuto? Se iniziassimo a considerarla una risorsa?”

Intorno alla plastica e alle attività di Corepla, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, girano tante parole, ma ve ne sono alcune particolarmente preziose: “Responsabilità”, “Prevenzione”, “Raccolta”, “Selezione”, “Riciclo, “Recupero”, “Comunicazione”, “Risultati”, “Qualità”.

Economia circolare, al Museo Explora inaugurato Gioco di Squadra: il progetto di Corepla e P&G

Un’attività intensa e costante portata avanti ogni giorno, in maniera operosa ma non sempre visibile ai più, dal Consorzio e da tutti gli attori della filiera, per contribuire a garantire la vivibilità delle nostre città e a rendere il nostro territorio più pulito e sostenibile.

Da qui nasce l’idea del progetto “L’altra faccia della plastica”, che vuole dare un volto all’impegno di Corepla attraverso i racconti dei protagonisti del Consorzio. Donne e uomini che ogni giorno, con professionalità, svolgono il proprio ruolo fondamentale di gestione, coordinamento e monitoraggio in quel percorso virtuoso che parte dai rifiuti e arriva alla valorizzazione della materia attraverso il riciclo e il recupero.

“La filiera del riciclo degli imballaggi in plastica in Italia rappresenta un’eccellenza a livello Europeo” spiega il Presidente di Corepla, Giorgio Quagliuolo – “i risultati raggiunti sono frutto del contributo quotidiano di una molteplicità di attori che con il loro impegno concreto concorrono al raggiungimento degli obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 e al realizzarsi dell’economia circolare. Si tratta di un Sistema complesso, fatto di attività e servizi fondamentali ma spesso poco conosciuti perché realizzati “dietro le quinte”. Per questo il Consorzio ha deciso di “metterci la faccia” e raccontare la propria esperienza, le opportunità e i risultati e per farlo ha scelto LinkedIn, per arricchire il dialogo e il confronto con i professionisti su questi temi.”.

L’altra faccia della plastica, in onda su LinkedIn a partire dal 21 ottobrecon appuntamento settimanale ogni giovedì sino al 29 dicembre, sarà caratterizzata da 10 brevi pillole che vi faranno scoprire come funziona la filiera, approfondendo tutte le fasi della vita dell’imballaggio, dalla sua progettazione al suo recupero.

Corepla e Armando Testa insieme per lo spot “la seconda vita degli imballaggi in plastica”

Dieci video che trasmettono cura, attenzione e senso di appartenenza: nella prima puntata verrà affrontato il tema “Gestione dei rifiuti, prevenzione e responsabilità”, nella seconda “Ricerca&Sviluppo ed Ecodesign”, nella terza “Le modalità di raccolta urbana”, nella quarta “La selezione, il passaggio chiave verso il riciclo”, nella quinta “Il riciclo degli imballaggi in plastica”, nella sesta “Il recupero energetico, il cerchio si chiude”, sarà poi la volta di “La qualità e i controlli sulla filiera”, e ancora “La Comunicazione per una gestione responsabile degli imballaggi in plastica”, poi “Contro l’inquinamento di mari e fiumi”, infine “I numeri della sostenibilità.

Appuntamento nel profilo LinkedIn di Corepla quindi, per farvi entrare nel mondo Corepla con #LaltraFacciadellaPlastica                 

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago