Home Attualità Cop26, stiamo assistendo alla fine dei carburanti fossili?

Cop26, stiamo assistendo alla fine dei carburanti fossili?

190 tra nazioni e associazioni hanno firmato un impegno ad eliminare gradualmente le centrali elettriche a carbone, mentre alla Cop26 20 nazioni tra qui USA, Inghilterra e Canada, promettono di non finanziare più estrazioni di carbone e petrolio all’estero. Sembrerebbe la fine dei carburanti fossili, ma Cina e India resistono.

La spinta per eliminare gradualmente i combustibili fossili sta guadagnando sempre più slancio al vertice sul clima COP26.

 


Venti paesi hanno deciso di porre fine ai finanziamenti per progetti basati sui combustibili fossili all’estero, firmando un accordo comune. Diversi paesi avevano già concordato di porre fine ai finanziamenti internazionali per il carbone, ma questo accordo è il primo del suo genere a includere anche progetti di petrolio e gas.

Clima, allarme CO2: nel 2021 sfiorati i livelli record del 2019


Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Italia, Svizzera e Nuova Zelanda, tra gli altri, fanno parte dell’accordo, che si impegna aporre fine al nuovo sostegno pubblico diretto al settore internazionale dell’energia da combustibili fossili senza sosta entro la fine del 2022, tranne in casi limitati e circostanze chiaramente definite che sono coerenti con un limite di riscaldamento di 1,5°C e gli obiettivi dell’accordo di Parigi“.

L’accordo “rappresenta un cambiamento nelle norme che sarebbe stato impensabile solo pochi anni fa, ha detto alla CNN Iskander Erzini Vernoit, esperto di finanza climatica presso il think tank E3G. “Abbiamo visto questo passare dai concetti di frontiera di nicchia al centro del mainstream“.

Cop26: otto Paesi Ue non firmano l’accordo per il metano, ma per loro valgono gli impegni comunitari

Il governo del Regno Unito ha anche affermato che 18 paesi, inclusa la Polonia, hanno assunto nuovi impegni per la loro graduale eliminazione del carbone, annunciando che non costruiranno o investiranno in nuova energia a carbone. L’eliminazione graduale dell’elettricità a carbone è uno dei passi più importanti per affrontare la crisi climatica. Il presidente della COP26 Alok Sharma ha affermato che un accordo sull’eliminazione graduale del carbone è uno degli obiettivi principali del vertice.

In un annuncio separato, sette paesi e altri 21 associazioni, comprese banche e città, si sono impegnati a porre fine all’uso del carbone.

 


Ucraina, Cile, Singapore, Mauritius, Azerbaigian, Slovenia ed Estonia hanno aderito alla Powering Past Coal Alliance, che obbliga i membri a smettere di costruire nuovi progetti di carbone e ad eliminare gradualmente il carbone entro il 2030 per le nazioni sviluppate e il 2040 per i paesi in via di sviluppo.

 

Cop26, niente più slogan: le aziende saranno costrette a fornire un piano d’azione per ridurre le emissioni


L’Ucraina, il terzo più grande consumatore di carbone in Europa dopo Germania e Polonia, ha dichiarato che smetterà di utilizzare l’energia dal carbone entro il 2035, mentre il Cile, che ottiene circa il 20% della sua energia dal carbone, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, ha affermato che sarà pronta entro il 2040.

Cop26, De Petris: “Un clima che non ci piace”

Nonostante il mondo non sia stato così vicino a liberarsi dalla dipendenza dai fossili, rimangono le resistenze di Cina e India. La Cina ha già annunciato che per andare incontro alla carenza energetica aumenterà la produzione di carbone di un milione di tonnellate al giorno, mentre il primo ministro indiano Narenda Modi ha già confermato che l’India non parteciperà all’accordo sul taglio della produzione di carbone.

 

Articolo precedenteCop26, Riccardo Quintili: “Transizione energetica in Italia non sia una favore a ENI e al nucleare”
Articolo successivoCop26, Leonardo DiCaprio, il Principe Carlo e Stella McCartney insieme per la moda sostenibile