La Regina Elisabetta II d’Inghilterra parteciperà in veste ufficiale alla conferenza sul clima COP26, che si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre.

La Regina Elisabetta II parteciperà alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow questo autunno, hanno detto gli organizzatori in un tweet venerdì, dando una spinta reale all’evento.

Cop26, a Londra vertice sul Clima per discutere di “problemi chiave”

Il Regno Unito ospiterà i leader globali per le quasi due settimane di colloqui nella città scozzese dal 31 ottobre al 12 novembre.

 


I colloqui, noti come COP26, seguiranno l’incontro del G20 a Roma e dovrebbero attirare molti dei leader del gruppo ad aprire i negoziati.

Il governo britannico, che sta organizzando i colloqui, ha insistito sul fatto che la COP26 andrà avanti nonostante le sfide dei viaggi internazionali portate dalla pandemia. La COP26 sarà uno dei più grandi eventi internazionali di persona dall’inizio della pandemia.

Clima, Greta Thunberg: “Spero di poter partecipare alla Cop26”

L’evento si svolgerà sullo sfondo di una serie di eventi meteorologici estremi in tutto l’emisfero settentrionale, tra cui ondate di calore e incendi in alcune parti del Nord America, dell’Europa meridionale e del Nord Africa, nonché inondazioni in Cina e nell’Europa occidentale. Segue anche il rilascio di un rapporto sullo stato della scienza del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, che ha scoperto che il riscaldamento globale è avvenuto più rapidamente di quanto si pensasse in precedenza e che l’influenza umana sul clima è “inequivocabile”.

Papa Francesco parteciperà alla Cop26 di Glasgow, la conferma dei vescovi scozzesi

Il presidente della COP26 Alok Sharma ha stabilito un’agenda libera per i colloqui, incentrata sull’impegno dei leader a limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali per evitare il peggioramento degli impatti della crisi climatica. Ci sarà anche un focus sul come mettere fine all’uso del carbone e aumentare i pagamenti delle nazioni ricche al sud del mondo per aiutare i paesi ad adattarsi alla crisi climatica e prepararsi per un futuro a impatto zero.

Articolo precedenteSpagna, una catena umana di 70 km per “proteggere” il Mar Menor dopo la strage di pesci
Articolo successivoRoma Ecologista, ultima chiamata per candidarsi nelle liste dei municipi. L’appello di Sermonti